Cos'è il Crypto Fear and Greed Index?
Indice
Introduzione
Cos'è un indice?
Cos'è un indicatore di mercato?
Cos'è esattamente il Fear and Greed Index?
Come funziona il Crypto Fear and Greed Index?
Perché il Crypto Fear and Greed Index è utile?
Posso utilizzare l'indice per analisi a lungo termine?
In chiusura
Cos'è il Crypto Fear and Greed Index?
HomeArticoli
Cos'è il Crypto Fear and Greed Index?

Cos'è il Crypto Fear and Greed Index?

Principiante
Published Jul 7, 2021Updated Sep 9, 2021
7m

TL;DR

Il Crypto Fear and Greed Index mostra un punteggio compreso tra 0 e 100 per il sentiment del mercato crypto. Si ispira al CNNMoney Fear and Greed Index, utilizzato nell'analisi del mercato azionario. 

La paura (con un punteggio compreso tra 0 e 49) indica una sottovalutazione e allo stesso tempo l'eccesso di supply sul mercato. L'avidità (con un punteggio da 50 a 100) indica una sopravvalutazione delle criptovalute e una possibile bolla.

Notare i cambiamenti nel livello di paura e avidità, può diventare parte della tua strategia di trading per capire quando entrare o uscire dal mercato.


Introduzione

Un buon trader o un investitore cercherà sempre dei dati a supporto, per capire quando conviene acquistare o vendere. Ci sono grafici da guardare, fondamentali da analizzare e il sentiment di mercato da cui attingere. Tuttavia, studiare ogni metrica e indice disponibile non è la cosa più efficiente. Il Crypto Fear and Greed Index, una combinazione di sentiment e metriche fondamentali, offre una panoramica sulla paura e l'avidità del mercato. Anche se non dovresti fare affidamento solo su questo indicatore, può aiutarti a capire la sensazione generale nei mercati di criptovalute.


Cos'è un indice?

Tradizionalmente, un indice prende più dati e li combina in un'unica misura statistica. Potresti aver già sentito parlare del Dow Jones Industrial Average (DJIA), un famoso indice che replica il mercato azionario. Il DJIA è una combinazione ponderata del prezzo di 30 grandi società quotate in numerose borse degli Stati Uniti. I trader e gli investitori possono acquistare il DJIA per avere un'esposizione combinata su tutte le azioni di queste società.

Il Crypto Fear and Greed Index è, allo stesso modo, una misura ponderata dei dati di mercato, ma ci sono anche delle differenze con il DJIA. Il Crypto Fear and Greed Index non è qualcosa che puoi acquistare e non è una tipologia di strumento finanziario. È solo un indicatore di mercato che può integrare la tua analisi.


Cos'è un indicatore di mercato?

Gli indicatori di mercato rendono più facile ai trader e agli investitori l'analisi dei dati di mercato. Gli indicatori esistono per tutte le tipologie di analisi di mercato: analisi tecnica, analisi fondamentale e analisi del sentiment. Se hai già sperimentato l'analisi tecnica (TA), probabilmente hai già avuto esperienza con gli indicatori. Questi possono essere semplici medie mobili o modelli complessi come le Ichimoku Clouds. Gli indicatori TA si focalizzano sull'analisi dei prezzi, del volume delle transazioni e di altri trend statistici.
Gli indicatori per l'analisi fondamentale adottano un approccio diverso. Quando cerchi un token o una stock, stai essenzialmente cercando di determinare il valore intrinseco di quel progetto. Ad esempio, la tua ricerca potrebbe tenere conto del numero di utenti e del valore totale di mercato, combinati insieme in un unico indicatore.
Inoltre, disponiamo di indicatori del sentiment di mercato che misurano le sensazioni e le riflessioni degli investitori e dei trader. Il Crypto Fear and Greed Index è solo uno dei tanti indicatori. Altri esempi includono The Bull & Bear Index di Augmento e il WhaleAlert, che tiene traccia di grandi trasferimenti effettuati dalle balene nei mercati crypto. Per certi versi, la ricerca su un asset crypto in cui investire, si basa molto sull'analisi dei social media, della community e dell'opinione pubblica. Per questo motivo, l'analisi del sentiment può essere utile per questa classe di asset.


Cos'è esattamente il Fear and Greed Index?

CNNMoney originariamente creò il Fear and Greed Index per analizzare il sentiment del mercato azionario. Alternative.me ha realizzato una versione su misura per il mercato delle criptovalute. 

Il Crypto Fear and Greed Index analizza un paniere di diversi trend e indicatori di mercato per determinare se il mercato è più avido o timoroso. Un punteggio di 0 indica paura estrema, mentre il valore 100 suggerisce avidità estrema. Un punteggio di 50 indica che il mercato è neutrale.

Un mercato impaurito potrebbe indicare che le criptovalute sono sottovalutate. Troppa paura in un mercato può portare a una vendita eccessiva e a troppo panico. La paura non significa necessariamente che il mercato sia entrato in una tendenza ribassista a lungo termine. Invece, puoi considerarlo come una sensazione a breve o medio termine rispetto al sentiment di mercato generale.
L'avidità indica la situazione opposta. Se investitori e trader sono avidi, c'è possibilità di una sopravvalutazione e il rischio di una bolla. Immagina una situazione di FOMO (paura di rimanere escluso) che induce gli investitori a pompare i mercati e sovrapprezzare il valore di Bitcoin. In altre parole, l'aumento dell'avidità può portare a una domanda eccessiva, gonfiando artificialmente il prezzo.


Come funziona il Crypto Fear and Greed Index?

Ogni giorno, Alternate.me calcola un nuovo valore da 0 a 100. A partire da luglio 2021, il Crypto Fear and Greed Index utilizza solo informazioni relative a Bitcoin. Il motivo di questa scelta è dovuto alla significativa correlazione di BTC con il mercato crypto nel suo complesso per quanto riguarda prezzo e sentiment. In futuro ci sono piani per espandere questo indicatore ad altre monete di grandi dimensioni tra cui presumibilmente Ether (ETH) e BNB.


È possibile suddividere la scala dell'indice nelle seguenti categorie:

  • 0-24: Paura estrema (arancione)
  • 25-49: Paura (ambra/giallo)
  • 50-74: Avidità (verde chiaro)
  • 75-100: Avidità estrema (verde)

L'indice è calcolato considerando il valore ponderato di cinque diversi fattori di mercato. Diamo un'occhiata:

1. Volatilità  (25% dell'indice). La volatilità misura il valore attuale di Bitcoin con medie degli ultimi 30 e 90 giorni. In questo caso l'indice utilizza la volatilità per descrivere l'incertezza sul mercato.
2. Momentum/volume di mercato (25% dell'indice). L'attuale volume di trading e il momentum di mercato di Bitcoin vengono confrontati con i valori medi a 30 e 90 giorni e quindi combinati. Volumi di acquisto elevati e costanti, suggeriscono un sentiment di mercato positivo o avido.
3. Social media (15% dell'indice). Questo fattore esamina il numero di hashtag su Twitter relativi a Bitcoin e, in particolare, il loro tasso di interazione. In genere, una quantità costante e insolitamente elevata di interazioni mostra un mercato più avido rispetto ad uno timoroso.
4. Dominance di Bitcoin (10% dell'indice). Questo input misura la dominance sul mercato da parte di BTC. Una dominance di mercato in crescita indica nuovi investimenti in arrivo e la possibile riallocazione di fondi nelle altcoin.
5. Google Trends (10% dell'indice). Osservando i dati di Google Trends per le query di ricerca relative a Bitcoin, l'indice può fornire informazioni dettagliate sul sentiment di mercato. Ad esempio, un aumento delle ricerche di "Bitcoin Scam" indicherebbe più paura sul mercato.
6. Risultati di sondaggio (15% dell'indice). Questo input non è attualmente utilizzato.


Perché il Crypto Fear and Greed Index è utile?

Il Crypto Fear and Greed Index può essere uno strumento prezioso per controllare i cambiamenti del sentiment del mercato. Le grandi oscillazioni possono offrire un'opportunità per entrare o uscire prima che il resto del mercato segua la tendenza. Possiamo vedere un breve esempio, controllando gli ultimi tre mesi di capitalizzazione totale di mercato delle criptovalute rispetto ai dati dell'indice.


Il punto 1, il 26 aprile 2021, mostra un minimo dopo una oscillazione significativa da 73 (avidità) a 27 (paura). Il punto 2, il 12 maggio 2021, mostra l'inizio di un'altra discesa da 68 (avidità) a 26 (paura). Possiamo vedere se c'è una corrispondenza con il mercato crypto, confrontando questi cambiamenti con la capitalizzazione complessiva del mercato di criptovalute.


Il punto 1 mostra che il 26 aprile la capitalizzazione era 1.78 trilioni di USD prima di salire a un picco di 2.53 trilioni il 12 maggio. Se combini questa informazione con quello che abbiamo visto in precedenza, vedrai una grande variazione del sentiment, dall'avidità alla paura, che coincide con il minimo locale nella capitalizzazione di mercato. Man mano che il mercato diventa più avido, la capitalizzazione complessiva di mercato aumenta fino a raggiungere il suo massimo. Raggiunto il massimo, il sentiment diminuisce ancora una volta bruscamente.

Con il nostro esempio, l'indice si è mostrato utile per trovare un'opportunità di acquisto e prevedere un sell-off sul mercato. Utilizzando l'indice, puoi verificare se le tue reazioni emotive sono esagerate o in linea con il mercato. Ma sarà sempre utile in ogni situazione? Probabilmente no.


Posso utilizzare l'indice per analisi a lungo termine?

L'indicatore non funziona bene per analisi a lungo termine dei cicli di mercato delle criptovalute. All'interno di una bull o bear run, ci sono molteplici cicli di paura e avidità. Queste variazioni sono utili agli swing trader per trarne un vantaggio. Tuttavia, per gli investitori che vogliono fare holding, sarà difficile prevedere il passaggio da un mercato rialzista ad uno ribassista solo usando questo indice. Dovrai analizzare altri aspetti di mercato per ottenere una prospettiva a lungo termine.
Come sempre, il consiglio è di non fare affidamento esclusivamente su un indicatore o una tipologia di analisi. Assicurati di fare le tue ricerche (DYOR) prima di investire del denaro e di investire solo ciò che puoi permetterti di perdere.


In chiusura

Il Crypto Fear and Greed Index è un modo semplice per raccogliere e riassumere un'intera gamma di metriche fondamentali e di sentiment di mercato. Invece di ricrearlo da zero, puoi guadagnare tempo, usando questo indicatore per monitorare i social media, Google Trends e altre statistiche. Se vuoi includerlo nella tua analisi, considera di integrarlo con altre metriche e indicatori, così da ottenere una panoramica più bilanciata.