Bitcoin tokenizzato su Ethereum, spiegato
Indice
Introduzione
Cos'è Bitcoin tokenizzato?
Perché tokenizzare Bitcoin su Ethereum?
Come funziona la tokenizzazione di Bitcoin?
Esempi di Bitcoin tokenizzato
È un bene per Bitcoin o Ethereum?
In chiusura
Bitcoin tokenizzato su Ethereum, spiegato
HomeArticoli
Bitcoin tokenizzato su Ethereum, spiegato

Bitcoin tokenizzato su Ethereum, spiegato

Intermedio
Published Aug 14, 2020Updated Apr 29, 2021
9m

Explain Like I'm Five (ELI5)

Bitcoin tokenizzato è un modo per utilizzare bitcoin su altre blockchain.

Aspetta, Bitcoin non è già fantastico di suo? Assolutamente sì! Ha un valido caso d'uso e agisce già come una sorta di bene pubblico. Allo stesso tempo, le sue funzionalità volutamente limitate lasciano poco spazio a ulteriori innovazioni.

Cos'altro potremmo fare con Bitcoin? Alcuni Bitcoiner credono ragionevolmente che non dovremmo fare niente di particolare. Altri invece pensano che dovremmo trovare modi per usare Bitcoin su altre blockchain. Ed è qui che entrano in gioco i BTC tokenizzati su Ethereum.

Perché tokenizzare Bitcoin? Che senso ha? Come si crea Bitcoin tokenizzato? Come procurarsi dei BTC tokenizzati? Continua a leggere per saperne di più.


Introduzione

In genere, Bitcoin è visto come un “asset di riserva” o una riserva di valore nel settore delle criptovalute. Di conseguenza, presenta l'adozione più elevata, la liquidità migliore, il volume di trading medio più alto ed è la prima crypto in termini di capitalizzazione di mercato. Di fatto, alcuni credono che non ci sia bisogno di altre criptovalute oltre a Bitcoin, in quanto potrebbe soddisfare tutti i casi d'uso a cui si rivolgono le altcoin.
Ad ogni modo, la tecnologia blockchain sta prosperando in molti segmenti diversi. Il movimento della Finanza Decentralizzata (DeFi) mira a portare applicazioni finanziarie sulla blockchain. Queste applicazioni decentralizzate (dApp) funzionano su network pubblici e permissionless, rendendo possibili transazioni finanziarie trustless senza la necessità di un coordinatore centrale. Anche se il concetto di DeFi è indipendente da una specifica blockchain, e che quindi può funzionare su qualsiasi piattaforma per smart contract, la maggior parte dell'attività si trova attualmente su Ethereum
Bitcoin è la colonna portante del mercato delle criptovalute, eppure non può approfittare degli sviluppi che avvengono in altre parti dell'ecosistema. Alcuni progetti stanno lavorando per risolvere questo problema. 
Come possiamo usare bitcoin per più di quello che può fare attualmente e al tempo stesso mantenere intatto il network di Bitcoin? Beh, la crescita dei bitcoin tokenizzati su Ethereum suggerisce una certa domanda per questa applicazione.


Cos'è Bitcoin tokenizzato?

Prima di iniziare, c'è qualcosa che dobbiamo chiarire per evitare confusione. Se hai letto il nostro articolo Cos'è Bitcoin?, saprai che Bitcoin scritto con la maiuscola indica il network, mentre bitcoin con la minuscola è l'unità di conto.
L'idea alla base della tokenizzazione di bitcoin è relativamente semplice. Il processo consiste nel bloccare BTC attraverso un qualche meccanismo, emettere token su un altro network e usare i BTC come un token su di esso. Ogni token sull'altro network rappresenta una quantità specifica di bitcoin. L'ancoraggio tra i due asset dovrebbe essere mantenuto, e il processo dovrebbe essere reversibile. In altre parole, puoi distruggere questi token per sbloccare nuovamente i bitcoin “originali” sulla blockchain di Bitcoin.
Nel caso di Ethereum, questo significa token ERC-20 che rappresentano bitcoin. Così facendo, gli utenti possono effettuare transazioni denominate in bitcoin sul network di Ethereum. Inoltre, attraverso questo processo è possibile rendere programmabili i bitcoin – come qualsiasi altro token su Ethereum.
Puoi controllare l'attuale somma totale di bitcoin tokenizzati su Ethereum visitando btconethereum.com.


Crescita dei BTC tokenizzati su Ethereum. Fonte: btconethereum.com


A luglio 2020, contiamo circa 15.000 BTC tokenizzati su Ethereum. Potrebbe sembrare tanto, ma è una cifra minima rispetto ai ~18,5 milioni della fornitura in circolazione. Tuttavia, questo potrebbe essere solo l'inizio.
È importante sottolineare che anche le sidechain e le soluzioni Layer 2 come il Lightning Network di Bitcoin o il Liquid Network puntano a risolvere sfide simili. Al momento i bitcoin su Ethereum sono oltre dieci volte tanto quelli nel Lightning Network di Bitcoin. 

Comunque, la concorrenza tra queste diverse soluzioni non è così semplice – non si tratta di un gioco a somma zero. Infatti, molti credono che siano complementari, non avversari. I progetti di tokenizzazione potrebbero aumentare le opzioni a disposizione dei possessori di bitcoin, mentre i progetti senza token migliorano l'infrastruttura complessiva. Questo potrebbe risultare in una maggiore integrazione all'interno di questo ambito, che a sua volta beneficerebbe l'intero settore.

Ok, sembra tutto interessante, ma a cosa serve? Esploriamo le ragioni per cui potremmo volere tokenizzare Bitcoin.


Perché tokenizzare Bitcoin su Ethereum?

Il design di Bitcoin è intenzionalmente semplice. È stato progettato per fare poche cose molto bene. Tuttavia, queste proprietà comportano dei limitazioni intrinseche.

Anche se la maggior parte del valore si trova in Bitcoin, il suo network non può beneficiare molto dall'innovazione che avviene in altri segmenti del settore delle valute digitali. Tecnicamente è possibile eseguire smart contract su Bitcoin, ma la funzionalità è piuttosto limitata rispetto a Ethereum o altre piattaforme per smart contract. 
Tokenizzare bitcoin su altre blockchain potrebbe incrementare l'utilità del network. In che modo? Beh, potrebbe consentire funzionalità che non sono nativamente supportate su Bitcoin. Allo stesso tempo, la funzionalità di base e il modello di sicurezza di Bitcoin rimangono intatti. Ulteriori vantaggi potrebbero essere maggiori velocità di transazione, fungibilità e privacy.
Ecco un'altra potenziale motivazione. Uno degli aspetti più importanti della DeFi è il concetto di componibilità. Dato che tutte queste applicazioni operano sullo stesso livello base pubblico, open-source e permissionless, possono funzionare perfettamente l'una con l'altra. 

Portare Bitcoin su questo livello base componibile di moduli finanziari è considerato da molti una prospettiva entusiasmante. Potrebbe dare vita a un grande numero di nuove applicazioni che usano bitcoin e non sarebbero altrimenti possibili.


Come funziona la tokenizzazione di Bitcoin?

Esistono molti modi per tokenizzare Bitcoin su Ethereum e altre blockchain. Ciascuno ha vari livelli di decentralizzazione, presupposti differenti circa la fiducia e i rischi, e potrebbe mantenere l'ancoraggio diversamente.
Le tue tipologie principali possono essere definite come custodiale e non custodiale. La prima riguarda un depositario centralizzato, che potrebbe anche occuparsi dell'emissione di token. Questo metodo introduce il rischio di controparte, in quanto è necessario fidarsi dell'entità che conserva i bitcoin (e questa deve rimanere in attività). Comunque, questa implementazione potrebbe essere considerata più sicura delle alternative.
Le altre soluzioni sono un po' diverse. Non servono entità affidabili, in quanto l'intero procedimento di emissione e burn viene eseguito da processi on-chain automatizzati. Gli asset collaterali vengono bloccati, e i token emessi sull'altra blockchain attraverso determinati meccanismi on-chain. I fondi rimangono fermi on-chain finché non vengono sbloccati con la distruzione dei token. Anche se questo metodo elimina i rischi di controparte, aumenta i potenziali rischi di sicurezza. Perché? In questo caso, l'onere del rischio pesa interamente sulle spalle dell'utente. Nel caso di un errore dell'utente o del contratto che porta a una perdita di fondi, probabilmente questi sono persi per sempre.


Esempi di Bitcoin tokenizzato

Custodiale

Queste soluzioni rappresentano una porzione significativa dell'attuale quantità di bitcoin tokenizzati. Il valore più grande bloccato si trova in Wrapped Bitcoin (WBTC). Come funziona? Gli utenti inviano bitcoin a un depositario centralizzato che li conserva in uno wallet cold storage multifirma, ed emette token WBTC in cambio. Il processo impone la verifica dell'identità per conformarsi alle normative KYC/AML. Questo metodo richiede fiducia nei confronti dell'entità che emette il token, ma al tempo stesso offre vantaggi in termini di sicurezza.
Anche Binance ha una versione tokenizzata di BTC chiamata BTCB. È un token BEP-2 emesso su Binance Chain. Se vuoi provarlo, visita Binance DEX.


Non custodiale

Le soluzioni non custodiali funzionano completamente on-chain, senza alcun coinvolgimento di depositari centralizzati. In poche parole, puoi vederle come simili a Wrapped BTC, ma invece di un depositario centralizzato, presentano uno smart contract o una macchina virtuale che tiene al sicuro i fondi ed emette i token. Gli utenti possono depositare BTC e ricevere bitcoin tokenizzato attraverso un processo trustless e permissionless.
Alcuni di questi sistemi richiedono  overcollateralization,  o extra-collateralizzazione, ovvero gli utenti devono depositare più valore (collaterale) di quanto intendono emettere. In questo modo, il sistema può prepararsi a eventi black swan e grandi crolli di mercato. Tuttavia, se il valore del collaterale diminuisce significativamente, questi sistemi potrebbero non essere in grado di affrontare tali scenari.
L'implementazione non custodiale più popolare è renBTC. I bitcoin vengono inviati alla Ren Virtual Machine (RenVM), che li conserva usando un network di nodi decentralizzati. In seguito emette token ERC-20 in base alla quantità di bitcoin inviati. 
Altri esempi di rilievo sono sBTC e iBTC, token sintetici garantiti da Synthetix Network Token (SNX) invece di bitcoin. Ciò che rende iBTC particolarmente interessante è il fatto che traccia inversamente il prezzo di Bitcoin, offrendo uno dei pochi metodi non custodiali per aprire short su Bitcoin.

È importante sottolineare che si tratta di tecnologie altamente sperimentali. Non stupisce che le soluzioni custodiali e centralizzate sono più popolari – tendono ad essere più sicure. Naturalmente, c'è anche un rischio maggiore di bug e errore utente, che possono portare potenzialmente alla perdita di fondi. Ad ogni modo, queste innovazioni potrebbero essere il futuro della tokenizzazione una volta migliorata la tecnologia.

Dato che queste soluzioni non custodiali sono regolate da processi automatizzati, il loro utilizzo è consigliato solo a utenti esperti. Se vuoi testare questi token senza preoccuparti del processo di emissione, puoi comprarli e negoziarli su exchange di criptovalute.



È un bene per Bitcoin o Ethereum?

Non è facile rispondere a questa domanda. Cerchiamo di prendere in considerazione entrambi i punti di vista.

In che modo la tokenizzazione può essere un bene per Bitcoin? Beh, senza dubbio aumenta la sua utilità. Anche se molti sostengono che Bitcoin non ha necessariamente bisogno di una maggiore funzionalità, un po' farebbe comodo. Come abbiamo menzionato prima, i benefici possono includere maggiori velocità di transazione, fungibilità, privacy e costi di transazione più bassi. Con il lancio di ETH 2.0, possiamo aspettarci che le transazioni su Ethereum saranno più veloci e più economiche. Anche questo potrebbe supportare il caso d'uso della tokenizzazione di bitcoin su Ethereum. 

Per contro, qualcuno afferma che questa pratica sia potenzialmente pericolosa per i possessori di bitcoin tokenizzato. La tokenizzazione di BTC comporta la rinuncia agli importanti vantaggi di sicurezza di Bitcoin – alcune delle sue proprietà più fondamentali. 

Per esempio, cosa succede se i bitcoin tokenizzati vengono rubati o persi a causa di un bug nello smart contract? Potrebbe non esserci un modo di sbloccare i BTC bloccati sulla blockchain di Bitcoin.

Un altro aspetto da considerare sono le commissioni. Alcuni sostengono che se molti utenti iniziassero a usare la blockchain di Ethereum per trasferire BTC tokenizzato, le commissioni di transazione sul network di Bitcoin diminuirebbero. Nel lungo termine, Bitcoin dovrà essere supportato solo dalle commissioni, e se la maggior parte di queste passa all'interno dell'ecosistema Ethereum, la sicurezza del network potrebbe essere compromessa. Tuttavia, mancano ancora diversi anni a questa fase, quindi non rappresenta una questione urgente.

In che modo la tokenizzazione è un bene per Ethereum? Se Ethereum acquisisce parte del valore di Bitcoin, potrebbe consolidarsi come network globale per il trasferimento di valore. Secondo una ricerca di Etherscan, una porzione considerevole dei 15.000 BTC menzionati in precedenza è bloccata all'interno dell'ecosistema DeFi di Ethereum. 
I bitcoin tokenizzati potrebbero aumentare notevolmente l'utilità della DeFi su Ethereum. In che modo? Si potrebbero creare servizi finanziari basati su bitcoin tokenizzato. DEX, prestiti marketplace, pool di liquidità e qualsiasi altro progetto esistente nella DeFi potrebbero essere denominati in BTC. Il successo dei bitcoin tokenizzati potrebbe inoltre incoraggiare la migrazione di altri tipi di asset sul network di Ethereum.

Gran parte dei progetti sono ancora nelle primissime fasi di sviluppo, e la tecnologia su cui si basano ha molto spazio per migliorare. Comunque, ci sono sicuramente degli sviluppi interessanti nel futuro di questo settore.


In chiusura

Abbiamo parlato di cos'è bitcoin tokenizzato e delle diverse implementazioni attualmente disponibili. L'obiettivo principale della tokenizzazione di bitcoin come un token ERC-20 è quello di aumentare l'utilità di Bitcoin. 
Se Ethereum riesce ad acquisire una parte significativa delle transazioni su Bitcoin, potrebbero esserci importanti implicazioni per il futuro. Il flippening è uno scenario realistico? Quale sarà la porzione della fornitura di Bitcoin contenuta all'interno di Ethereum nei prossimi anni? Questo resta da vedere. In ogni caso, l'intero settore blockchain potrebbe trarre beneficio dalla costruzione di ponti tra i due più grandi network di criptovaluta.
Vuoi saperne ancora di più sulla tokenizzazione di bitcoin e di altri asset digitali? Dai un'occhiata alla nostra piattaforma Q&A, Ask Academy, in cui puoi ricevere risposte alle tue domande dalla comunità di Binance.