Bitcoin è una Riserva di Valore?
Indice
Introduzione
Cos'è una riserva di valore?
Quali sono le proprietà di una buona riserva di valore?
Il caso per Bitcoin come riserva di valore
Il caso contro Bitcoin come riserva di valore
In chiusura
Bitcoin è una Riserva di Valore?
HomeArticoli
Bitcoin è una Riserva di Valore?

Bitcoin è una Riserva di Valore?

Intermedio
Published Apr 15, 2020Updated Oct 19, 2021
14m

Introduzione

Quando pensiamo a un asset sicuro, ci vengono probabilmente in mente metalli preziosi come l'oro o l'argento. Sono investimenti molto diffusi come coperture contro le turbolenze nei mercati tradizionali.

Il dibattito sulla posizione di Bitcoin nelle orme di questi asset è ancora acceso. In questo articolo, esamineremo alcuni degli argomenti centrali a favore e contro Bitcoin come riserva di valore.


Cos'è una riserva di valore?

Una riserva di valore è un asset in grado di mantenere il proprio valore nel corso del tempo. Se oggi comprassi una buona riserva di valore, potresti essere ragionevolmente certo che il suo valore non diminuirà nel tempo. Nel futuro, ti aspetteresti che l'asset abbia un valore simile (se non maggiore).

Quando pensi a un asset “safe haven” di questo tipo, è probabile che immagini oro o argento. Ci sono alcune ragioni per cui questi hanno mantenuto tradizionalmente il loro valore, che andremo a vedere tra poco.


Quali sono le proprietà di una buona riserva di valore?

Per capire quali sono le caratteristiche di una buona riserva di valore, esploriamo prima quelle di una cattiva riserva di valore. Se vogliamo preservare qualcosa per lunghi periodi di tempo, sembra logico che debba essere durevole

Consideriamo il cibo. Mele e banane hanno un certo valore intrinseco, in quanto gli esseri umani devono alimentarsi per vivere. Quando il cibo scarseggia, questi prodotti saranno senza dubbio molto preziosi, ma questo non li rende una buona riserva di valore. Avranno un valore molto minore se li conserviamo in una cassaforte per diversi anni, dato che ovviamente si degraderanno.

Consideriamo invece qualcosa con un valore intrinseco che sia anche durevole, ad esempio della pasta secca. E' meglio nel lungo termine, ma non c'è ancora alcuna garanzia che mantenga il suo valore. La pasta viene prodotta a basso costo da risorse facilmente reperibili. Chiunque può inondare il mercato con nuova pasta, quindi la pasta in circolazione vedrà il suo valore diminuire man mano che l'offerta supera la domanda. Di conseguenza, per fare in modo che qualcosa mantenga valore, deve anche essere scarso.
Alcuni considerano le valute fiat (dollari, euro, yen) un modo valido per conservare ricchezza in quanto mantengono il proprio valore a lungo termine. In realtà, sono delle riserve di valore pessime perché il loro potere d'acquisto diminuisce significativamente man mano che vengono create nuove unità (esattamente come la pasta). Puoi prelevare i tuoi risparmi di una vita e nasconderli sotto il materasso per vent'anni, ma non avranno lo stesso potere d'acquisto quando decidi finalmente di spenderli.
Nell'anno 2000, con $100.000 avresti potuto comprare molto più di quanto non possa fare oggi. Questo è dovuto principalmente all'inflazione, che fa riferimento all'aumento dei prezzi di beni e servizi. In molti casi, l'inflazione è causata da una fornitura eccessiva di valuta fiat derivante dalla pratica governativa di stampare nuova moneta.

Per illustrare questo fenomeno, supponiamo di possedere il 25% della fornitura totale di $100 miliardi – quindi, $25 miliardi. Il tempo passa e il governo decide di stampare, per esempio, altri $800 miliardi per stimolare l'economia. La nostra fetta della torta è improvvisamente scesa a ~3%. Ora c'è molto più denaro in circolazione, quindi è logico che la nostra fetta non abbia lo stesso potere d'acquisto di prima.


La perdita di potere d'acquisto nel tempo.


Come la pasta che abbiamo menzionato prima, i dollari non sono costosi da produrre. Quanto abbiamo descritto sopra può avvenire nel giro di pochi giorni. Per una buona riserva di valore, dovrebbe essere difficile inondare il mercato con nuove unità. In altre parole, la nostra fetta della torta dovrebbe diluirsi molto lentamente, o non diminuire affatto.

Prendendo l'oro come esempio, sappiamo che la sua fornitura è limitata. Sappiamo anche che è molto difficile da estrarre. Quindi, anche se la domanda di oro dovesse aumentare improvvisamente, non basta accendere una stampante per crearne di più. Deve essere estratto dal terreno, come sempre. Anche se la domanda cresce, l'offerta non può essere aumentata materialmente per soddisfarla.


Il caso per Bitcoin come riserva di valore

Sin dai primi giorni di Bitcoin, i suoi sostenitori hanno avanzato la tesi per cui la criptovaluta sarebbe più simile a “oro digitale” che a una semplice moneta digitale. Negli ultimi anni, questa narrativa è stata ripresa da molti appassionati di Bitcoin.

La tesi di Bitcoin come riserva di valore afferma che questa criptomoneta sia uno degli asset più solidi conosciuti dall'uomo. I proponenti della tesi credono che Bitcoin sia il modo migliore per conservare ricchezza nel tempo proteggendola dalla svalutazione.

Bitcoin è conosciuto per la sua incredibile volatilità. Potrebbe sembrare illogico come un asset che può perdere il 20% del suo valore in un giorno possa essere considerato da molti una riserva di valore. Tuttavia, anche considerando i suoi numerosi crolli, rimane ad oggi l'asset più performante nella storia. 

Quindi, perché Bitcoin viene considerato una riserva di valore?


Scarsità

Forse uno degli argomenti più convincenti per la tesi della riserva di valore è che Bitcoin ha una fornitura limitata. Come forse ricordi dal nostro articolo Cos'è Bitcoin?, non esisteranno mai più di 21 milioni di bitcoin. Il protocollo garantisce questa proprietà con una regola scolpita nel codice. 
L'unico modo in cui è possibile creare nuove monete sta nel processo di mining, per certi versi analogo all'estrazione mineraria dell'oro. Tuttavia, invece di trapanare il terreno, i miner di Bitcoin devono risolvere un enigma crittografico usando potere computazionale. Così facendo guadagneranno monete nuove.
Con il passare del tempo, la ricompensa diminuisce seguendo eventi conosciuti come halving. Come suggerisce il nome, ogni halving dimezza la ricompensa. Nei primi giorni di Bitcoin, il sistema distribuiva 50 BTC ad ogni miner che avesse prodotto un blocco valido. Durante il primo halving, questo numero è stato ridotto a 25 BTC. L'halving successivo l'ha dimezzato a 12,5 BTC, e il prossimo taglierà la ricompensa a 6,25 bitcoin per blocco. Questo processo continuerà per altri 100+ anni fino a quando la frazione finale dell'ultima moneta sarà entrata in circolazione.
Creiamo un modello simile all'esempio che abbiamo fatto prima con la nostra valuta fiat. Supponiamo di aver comprato il 25% della fornitura di Bitcoin (cioè, 5.250.000 monete) molti anni fa. Quando abbiamo acquisito queste monete, sapevamo che la nostra percentuale sarebbe rimasta uguale in quanto non esiste un'entità in grado di aggiungere altre monete al sistema. Qui non c'è un governo – o meglio, non nel senso tradizionale (più dettagli tra poco). Quindi, se avessimo comprato (e HODLed) il 25% della fornitura massima nel 2010, oggi possederemmo ancora il 25%.


Decentralizzazione

Forse stai pensando, è solo software open-source. Posso copiare il codice e creare la mia versione con 100 milioni di monete in più. 
In effetti, potresti farlo. Supponiamo che tu riesca a clonare il software, apportare le modifiche ed eseguire un nodo. Sembra che tutto funzioni. C'è solo un problema, però: non ci sono altri nodi a cui connetterti. Vedi, non appena hai cambiato i parametri del tuo software, i membri del network di Bitcoin hanno iniziato a ignorarti. Hai effettuato un fork, e il programma che stai eseguendo non è più ciò che viene globalmente accettato come Bitcoin. 

Quello che hai appena fatto è funzionalmente l'equivalente di scattare una foto della Gioconda e sostenere che ora ci sono due Gioconde. Puoi convincere te stesso che sia così, ma buona fortuna a convincere qualcun altro.

Abbiamo menzionato che esiste una sorta di governo in Bitcoin. Questo governo è composto da ogni utente che esegue il software. L'unico modo in cui il protocollo può essere modificato è con la maggioranza che accetta le modifiche.

Convincere una maggioranza ad aggiungere monete non sarebbe un'impresa facile – in fondo, stai chiedendo di svalutare i loro stessi fondi. Allo stato attuale, anche funzionalità in apparenza insignificanti richiedono anni per raggiungere il consenso attraverso il network.

Man mano che cresce e diventa sempre più grande, promuovere modifiche diventerà sempre più difficile. I possessori possono, quindi, essere ragionevolmente sicuri che la fornitura non sarà inflazionata. Anche se il software è creato dall'uomo, la decentralizzazione del network significa che Bitcoin agisce più come una risorsa naturale che come codice che può essere modificato arbitrariamente.


Le proprietà della buona moneta

I sostenitori della tesi pro riserva di valore sottolineano anche delle caratteristiche di Bitcoin che lo rendono una buona moneta. Non è solo una risorsa digitale limitata, condivide anche caratteristiche che da secoli sono state tradizionalmente adottate nelle varie monete della storia.

L'oro è stato usato come moneta da diverse civiltà fin dalla loro nascita. Ci sono più ragioni dietro a questa scelta. Abbiamo già parlato di durabilità e scarsità. Queste proprietà possono creare asset validi, ma non necessariamente buone forme di moneta. Per questo, sono necessari fungibilità, portabilità e divisibilità.


Fungibilità

Fungibilità significa che le unità sono indistinguibili. Con l'oro, puoi prendere due once qualsiasi, e avranno lo stesso valore. Questo vale anche per cose come titoli azionari e contanti. Non importa quale particolare unità possiedi – avrà lo stesso valore di qualsiasi altra dello stesso tipo.

La fungibilità di Bitcoin è un argomento spinoso. Non dovrebbe avere importanza quale moneta possiedi. In gran parte dei casi, 1 BTC = 1 BTC. Le cose si complicano quando consideriamo che ogni unità può essere collegata a transazioni precedenti. Ci sono casi in cui le imprese mettono nella loro lista nera i fondi che credono siano stati coinvolti in attività criminali, anche se il possessore li ha ricevuti in seguito.

Dovrebbe avere importanza? E' difficile capire perché. Quando stai pagando qualcosa con una banconota, né tu né il commerciante sapete per cosa è stata usata tre transazioni fa. Non esiste il concetto di storico delle transazioni – le banconote nuove non hanno più valore di quelle usate.

Nella peggiore delle ipotesi, però, è possibile che i bitcoin più vecchi (con una storia più lunga) siano venduti a meno dei bitcoin nuovi. A seconda di chi si chiede, questa ipotesi potrebbe essere la più grande minaccia per Bitcoin o qualcosa di cui non serve preoccuparsi. Per ora, comunque, Bitcoin è funzionalmente fungibile. Ci sono stati solo alcuni incidenti isolati relativi a monete congelate a causa di uno storico sospetto.


Portabilità

La portabilità denota la facilità di trasporto di un asset. $10.000 in banconote da $100? Piuttosto facili da spostare. $10.000 equivalente in petrolio? Un po' meno.

La buona moneta deve avere un fattore di forma ridotto. Deve essere facile da trasportare per consentire agli individui di pagarsi a vicenda per beni e servizi.

L'oro è stato tradizionalmente eccellente in questo ambito. Al momento della scrittura, una moneta d'oro standard detiene un valore di quasi $1.500. E' poco probabile che si facciano molti acquisti del valore di un'oncia piena d'oro, quindi le denominazioni più piccole occupano ancora meno spazio. 

Bitcoin è in effetti superiore ai metalli preziosi quando si tratta di trasportabilità. Non ha neanche un ingombro fisico. Potresti conservare un patrimonio di trilioni di dollari su un dispositivo hardware che sta nel palmo della mano.

Spostare oro per un valore di un miliardo di dollari (attualmente più di 20 tonnellate) richiede uno sforzo e un costo enormi. Anche con i contanti, dovresti trasportare diversi bancali pieni di banconote da $100. Con Bitcoin, puoi inviare la stessa cifra ovunque nel mondo per meno di un dollaro.


Divisibilità

Un'altra qualità vitale della moneta è la sua divisibilità – ovvero, l'abilità di dividerla in unità più piccole. Con l'oro, puoi prendere una moneta da un'oncia e tagliarla a metà per produrre due unità da mezza oncia. Potresti rovinare il bel disegno di un'aquila o un bufalo su di essa, ma il valore dell'oro rimane lo stesso. Puoi tagliare più e più volte le unità da mezza oncia per produrre denominazioni ancora più piccole.

La divisibilità è un'altra area in cui Bitcoin eccelle. Ci sono solo ventuno milioni di monete, ma ciascuna è composta da cento milioni di unità più piccole (satoshi). Questo offre agli utenti un alto grado di controllo sulle loro transazioni, in quanto possono inviare un importo specificandone fino a otto cifre decimali. Inoltre, la visibilità di Bitcoin rende più semplice per i piccoli investitori acquistare frazioni di BTC.


Riserva di Valore, Mezzo di Scambio e Unità di Conto

L'opinione generale è divisa sul ruolo attuale di Bitcoin. Molti credono che Bitcoin sia semplicemente una valuta – uno strumento per spostare fondi da un punto A a un punto B. Ne parleremo nella prossima sezione, ma questa prospettiva è contraria a ciò che molti proponenti della tesi della riserva di valore difendono.

I proponenti della SoV sostengono che Bitcoin debba attraversare varie fasi prima di diventare la moneta definitiva. Inizia come un oggetto da collezione (probabilmente la fase in cui ci troviamo ora): si è dimostrato funzionale e sicuro, ma è stato adottato solo da una piccola nicchia. Il suo pubblico principale consiste di appassionati e speculatori.

Solo con una migliore educazione, infrastruttura per le istituzioni e una maggiore fiducia nella sua capacità di mantenere valore potrà procedere alla fase successiva: la riserva di valore. Alcuni credono che abbia già raggiunto questo livello. 
A questo punto, Bitcoin non è stato ampiamente speso a causa della legge di Gresham, la quale afferma che la moneta cattiva scaccia quella buona. Questo significa che, quando presentati con due tipi di monete, gli individui saranno portati a spendere quella inferiore e accumulare quella superiore. Gli utenti di Bitcoin preferiscono spendere le valute fiat, in quanto hanno poca fiducia nella loro sopravvivenza a lungo termine. Preferiscono conservare (o HODL) i propri bitcoin, poiché credono che manterranno il loro valore. 
Se il network di Bitcoin continua a crescere, sempre più utenti lo adotteranno, la liquidità aumenterà, e il prezzo diventerà più stabile. A causa della maggiore stabilità, non ci sarà più l'incentivo a conservarlo nella speranza di grandi guadagni nel futuro. Quindi, possiamo aspettarci che verrà usato molto di più nel commercio e nei pagamenti quotidiani, come un forte mezzo di scambio.
Il maggiore utilizzo stabilizza ulteriormente il prezzo. Nella fase finale, Bitcoin diventerebbe una unità di conto – verrebbe usato per prezzare altri asset. Proprio come potremmo prezzare un gallone di petrolio a $4, in un mondo in cui Bitcoin regna come moneta andremo a misurare questo valore in bitcoin.

Se questi tre traguardi monetari vengono raggiunti, i proponenti vedono un futuro in cui Bitcoin è diventato un nuovo standard che sostituisce le valute usate oggi.


Il caso contro Bitcoin come riserva di valore

Gli argomenti presentati nella sezione precedente potrebbero sembrare del tutto logici per qualcuno o completamente assurdi per altri. Ci sono alcune critiche all'idea di Bitcoin come “oro digitale” avanzate sia da Bitcoiner che da scettici delle criptovalute.


Bitcoin come denaro digitale

Quando sorge un disaccordo su questo tema, molti si affrettano a sottolineare la whitepaper di Bitcoin. Per loro, è chiaro che sin dall'inizio Satoshi abbia progettato Bitcoin per essere speso. Infatti, lo troviamo nello stesso titolo del documento: Bitcoin: Un Sistema di Moneta Elettronica Peer-to-Peer.

L'argomento suggerisce che Bitcoin può essere valido solo se gli utenti spendono le loro monete. Accumulandole, non stai aiutando l'adozione – la stai ostacolando. Se Bitcoin non è ampiamente apprezzato come denaro digitale, la sua proposta centrale non è spinta dall'utilità ma dalla speculazione. 

Nel 2017, queste differenze ideologiche hanno portato a un fork importante. La minoranza di Bitcoiner voleva un sistema con blocchi più grandi, per offrire commissioni sulle transazioni più basse. A causa della crescita nell'utilizzo del network originale, il costo di una transazione può aumentare drasticamente, escludendo per molti utenti transazioni di valore inferiore. Se la commissione media è di $10, non ha molto senso spendere monete su un acquisto da $3.

Il network forkato è oggi conosciuto come Bitcoin Cash. Il network originale ha implementato un aggiornamento in quel periodo, conosciuto come SegWit. Segwit ha aumentato nominalmente la capacità dei blocchi, ma non era questo il suo obiettivo principale. Ha anche gettato le basi per il Lightning Network, che mira a facilitare transazioni a basso costo spostandole off-chain.

In pratica, però, il Lightning Network è tutt'altro che perfetto. Le transazioni Bitcoin regolari sono molto più facili da comprendere, mentre la gestione di capacità e canali Lightning Network presenta una ripida curva di apprendimento. Resta da vedere se può essere semplificato, o se il design della soluzione è fondamentalmente troppo complesso per essere razionalizzato.

A causa della crescente domanda di spazio nei blocchi, le transazioni on-chain non sono più molto economiche nei periodi di grande affluenza. Per questo, si potrebbe sostenere che non aumentare la dimensione dei blocchi danneggia la funzionalità di Bitcoin come valuta.


Nessun valore intrinseco

Per molti, il confronto tra oro e Bitcoin è assurdo. La storia dell'oro è, essenzialmente, la storia della civiltà. Il metallo prezioso è stato un elemento fondamentale delle società per migliaia di anni. Indubbiamente, ha perso parte della sua dominanza sin dall'eliminazione del gold standard, ma resta comunque il bene rifugio per eccellenza.

In effetti, il paragone tra gli effetti rete del re degli asset e un protocollo in esistenza da undici anni sembra un po' forzato. L'oro è stato per millenni venerato sia come status symbol che come metallo industriale.

Al contrario, Bitcoin non ha alcun uso al di fuori del suo network. Non puoi usarlo come conduttore nell'elettronica, né puoi lavorarlo per creare un'enorme catena brillante quando decidi di diventare una star dell'hip hop. Potrebbe emulare l'oro (mining, fornitura limitata, ecc.), ma questo non cambia il fatto che è un bene digitale.

In un certo senso, tutte le monete sono una convinzione condivisa – il dollaro ha valore solo perché il governo lo dice e la società lo accetta. L'oro ha valore solo perché tutti concordano che lo abbia. Bitcoin non è affatto differente, ma coloro che gli danno valore sono ancora un piccolo gruppo nello schema generale. E' probabile che tu abbia avuto molte conversazioni nella tua vita personale per cercare di spiegare cosa è, dato che la stragrande maggioranza delle persone non lo sa.


Volatilità e correlazione

Chi ha scoperto Bitcoin nei primi anni ha certamente visto il proprio investimento crescere di interi ordini di grandezza. Per loro, ha effettivamente conservato valore – e non solo. Tuttavia, chi ha comprato monete per la prima volta nei pressi dell'all-time high non ha vissuto questa esperienza. Molti hanno subito grandi perdite vendendo in qualsiasi momento successivo. 
Bitcoin è incredibilmente volatile, e i suoi mercati sono imprevedibili. I metalli come oro e argento hanno fluttuazioni insignificanti al confronto. Potresti obiettare che siamo ancora agli inizi, e che il prezzo eventualmente si stabilizzerà. Ma questo, di per sé, indicherebbe che Bitcoin non è attualmente una riserva di valore.

Bisogna inoltre considerare la relazione tra Bitcoin e i mercati tradizionali. Sin dal lancio di Bitcoin, sono stati in un costante trend rialzista. La criptovaluta non può essere davvero testata come asset rifugio se anche tutte le altre classi di asset stanno andando bene. Gli appassionati di Bitcoin potrebbero riferirsi ad esso come “non correlato” con altri asset, ma non c'è modo di saperlo fino a quando altri asset non soffrono mentre Bitcoin rimane stabile.


Tulipomania e Beanie Babies

Non sarebbe una vera critica delle proprietà da riserva di valore di Bitcoin se non menzionassimo i confronti con la Tulipomania e i Beanie Babies. Sono analogie deboli nel migliore dei casi, ma servono ad illustrare i pericoli delle bolle e dei loro scoppi.

In entrambi gli episodi, gli investitori sono accorsi per comprare oggetti che ritenevano rari nella speranza di rivenderli per trarne profitto. Di per sé, gli oggetti non erano così preziosi – erano relativamente semplici da produrre. La bolla è scoppiata quando gli investitori hanno realizzato che stavano sopravvalutando enormemente i propri investimenti, e di conseguenza i mercati dei tulipani e dei Beanie Babies sono crollati.

Di nuovo, queste sono analogie deboli. Il valore di Bitcoin deriva della fiducia degli utenti in esso, ma a differenza dei tulipani non può essere coltivato per soddisfare la domanda. Detto questo, nulla garantisce che gli investitori non vedano Bitcoin come sopravvalutato in futuro, causando lo scoppio della bolla.


In chiusura

Bitcoin condivide sicuramente la maggior parte delle caratteristiche di una riserva di valore come l'oro. Il numero di unità è limitato, il network è abbastanza decentralizzato da offrire sicurezza ai possessori, e può essere usato per conservare e trasferire valore.

In ultima analisi, deve ancora dimostrarsi un asset rifugio – è ancora troppo presto per esserne certi. Le cose potrebbero andare in entrambi i modi – il mondo potrebbe rifugiarsi in Bitcoin nei periodi di crisi economica, o potrebbe continuare ad essere usato solo da un gruppo di minoranza.

Solo il tempo ce lo dirà.