Cos'è la Moneta?
HomeArticles

Cos'è la Moneta?

Principiante
3mo ago
8m

Contenuti


Introduzione

La moneta è senza dubbio uno dei pilastri più importanti della civiltà moderna. Per millenni ha funzionato come una sorta di linguaggio per il valore, facilitando gli scambi tra individui, e permettendo di conservare il prodotto del loro lavoro.

In linea generale, la definizione di moneta è qualcosa che viene comunemente accettato come pagamento per beni e servizi. Società in tutto il mondo hanno creato molti tipi diversi di moneta – così tanti che è difficile categorizzarli tutti in modo ordinato. 

In questo articolo, spiegheremo le distinzioni tra moneta merce, moneta rappresentativa e moneta fiduciaria


Prima della moneta: il baratto

Il baratto si riferisce all'atto di scambiare beni o servizi per altri beni o servizi. Curiosamente, questa attività può essere osservata in altri contesti di vita. Diverse specie nei regni vegetale e animale sviluppano taciti accordi – relazioni simbiotiche – in cui entrambe le parti beneficiano dalle azioni dell'altro. Per esempio, gli alberi di acacia cornigera forniscono cibo e riparo alle formiche in cambio di protezione contro i parassiti. Zebre e rinoceronti si liberano delle zecche permettendo alle bufaghe di nutrirsi di quelle che si attaccano alla loro pelle.

Ovviamente, gli esseri umani hanno una comprensione diversa e più sofisticata del valore rispetto alle specie indicate sopra. Molto prima della comparsa della moneta come la conosciamo oggi, ci siamo resi conto che possiamo scambiare i nostri beni per i beni di altri.

Non potrebbe essere più semplice. Supponi di avere un cappotto, mentre la tua vicina ha delle mele. Lei ha freddo e tu hai fame. Le dai il cappotto in cambio di venti mele. Entrambi avete ottenuto ciò che volevate scambiandolo per quello che avevate.

Purtroppo, non è sempre così semplice. Probabilmente più tardi vorrai altre mele, ma il nuovo cappotto della tua vicina le durerà almeno un paio d'anni. Potrebbe non voler fare altri scambi quando vuoi. Potrebbe anche lei avere problemi se vuole fare benzina ma il proprietario del distributore è allergico alle mele e non vuole accettarle.

Questo fenomeno è conosciuto in economia come la coincidenza dei bisogni. Il baratto funziona bene quando hai qualcosa che la tua controparte desidera, e viceversa. Fallisce quando le parti non hanno bisogno dei beni posseduti dall'altro.


Moneta merce

Le merci sono materie prime utili in qualche modo (qualcuno potrebbe dire che hanno un valore intrinseco). Questa definizione comprende una vasta gamma di cose – dai metalli come oro, argento e rame a beni di consumo come grano, caffè e riso.

Ne consegue che la moneta merce comporta l'uso di materie prime come denaro. E' poco probabile riuscire a usare del petrolio per fare acquisti al fruttivendolo, ma ci sono un'infinità di esempi nel corso della storia di materiali grezzi utili definiti e utilizzati come moneta.

Per esempio, nel Seicento, il tabacco è stato dichiarato moneta legale in Virginia. Come Nick Szabo osserva nel suo influente saggio Shelling Out: The Origins of Money, le tribù di nativi americani utilizzavano wampum (perline realizzate con conchiglie di vongole) e conchiglie di ciprea come mezzo di scambio. Come il tabacco in Virginia, questa merce è stata adottata come moneta legale per decenni.

A prima vista, il commercio in materie prime potrebbe sembrare simile alle economie basate sul baratto. In fondo, se hai un libro e offri di venderlo per del riso, non stai facendo la stessa cosa di cui abbiamo parlato prima?

Dal punto di vista funzionale, si, ma la moneta merce agisce da mezzo di scambio. In questo scenario, ci si aspetterebbe che il riso venga accettato ampiamente come un mezzo di pagamento per beni o servizi. Quindi, a differenza dei sistemi di baratto, in cui vengono scambiati beni o servizi per altri beni o servizi, il riso sarebbe un mezzo di scambio attraente in molti scambi.

Di conseguenza, saresti più propenso a calcolare il valore del tuo libro in base a quello che potresti comprare con il riso. Accetti il riso, non necessariamente perché vuoi mangiarlo, ma perché puoi scambiarlo per altri beni. Se la materia in questione è così prolifica, potrebbe anche fungere da unità di conto – qualcosa che usi per dare un prezzo ad altri beni. In questo mondo, la quantità di denaro che paghi per un caffè potrebbe essere espressa in chilogrammi di riso.

La moneta merce aggira il problema della coincidenza dei bisogni che si presenta nel baratto, in quanto puoi accettare la moneta merce e usarla più tardi in un altro scambio.

I metalli preziosi, come l'oro e l'argento, sono forse le forme di moneta merce più conosciute. L'oro è stato usato attraverso più civiltà, sia come moneta che come metallo industriale. Ancora oggi, le monete e i lingotti d'oro sono considerati la riserva di valore per eccellenza. Gli investitori parcheggiano le loro ricchezze nel metallo prezioso per potervi accedere nel futuro. Ci sono molte ragioni per cui l'oro è venerato – esploriamo le funzioni monetarie che svolge in Bitcoin è una Riserva di Valore?

Le merci non se ne sono andate. Come denaro, però, sono state in gran parte sostituite da altre forme di moneta.


Moneta rappresentativa

La moneta merce è stata sicuramente un passo avanti rispetto al sistema del baratto, ma presentava ancora alcuni difetti, in particolare da un punto di vista pratico. Anche se puoi tenere in tasca una manciata di monete d'oro e d'argento e usarle per fare piccoli acquisti, il concetto non scala. 

Prova a immaginare come faresti oggi a fare acquisti medio-grandi usando monete. Per darti un'idea, se volessi comprare un bitcoin da qualcuno per 8.000 euro, dovresti portarti dietro circa 60kg di monete da un euro.

Dopo la moneta merce è arrivata la moneta rappresentativa – un'alternativa di gran lunga più portatile garantita da merci. La moneta rappresentativa è spuntata in diversi luoghi nel mondo in epoche diverse. In sostanza, coinvolge un emittente centrale che produce certificati che possono essere riscattati per una certa quantità di quella merce. 

Invece di portarsi dietro chili di argento, potevi utilizzare pezzi di carta per dimostrare la tua proprietà. In qualsiasi momento, potevi andare dall'emittente e scambiare il pezzo di carta con argento reale. In alternativa, potevi dare il pezzo di carta a qualcuno come pagamento, e questi avrebbero potuto riscattarlo personalmente. Se hai familiarità con le stablecoin, è essenzialmente lo stesso principio.

Possiamo trovare casi in cui società private hanno emesso moneta rappresentativa, ma è stato fatto su scala molto più grande dalle banche centrali. Probabilmente conosci il gold standard, il sistema aureo, una politica adottata da molti governi quando le valute nazionali erano garantite da oro. Sembra molto distante dal sistema in vigore oggi, ma meno di un secolo fa, potevi portare una banconota in banca e scambiarla per metalli preziosi.

Da un punto di vista economico, questo sistema aveva alcuni notevoli vantaggi. Così notevoli che l'espressione gold standard è usata ancora oggi per descrivere qualcosa che supera ogni alternativa. Il primo vantaggio era che, mentre l'intervento del governo aumentava, la moneta non poteva essere facilmente svalutata attraverso l'inflazione. I governi non potevano emettere banconote in eccesso rispetto a quello che possedevano – almeno in teoria. Sfortunatamente, era facile (e proficuo) per le banche esercitare una politica di riserva frazionaria, in cui venivano create un eccesso di banconote rispetto all'oro in loro possesso.

Il sistema aureo permetteva agli individui di effettuare transazioni in oro, senza la scomodità di dover trasportare lingotti, o di dividerli per fare acquisti.

Un altro vantaggio di questo sistema monetario riguarda il fatto che l'oro è sempre stato riconosciuto su scala internazionale. Se le loro economie domestiche erano incentrate sull'oro, i paesi che seguivano il gold standard potevano commerciare facilmente in una risorsa pregiata a livello globale.



Vuoi iniziare con le criptovalute? Compra Bitcoin su Binance!



Moneta fiduciaria

La moneta rappresentativa non è più la forma di moneta dominante. La morte del gold standard ha portato a un nuovo tipo di moneta adottato globalmente – una moneta completamente separata dalle merci. 

In breve, la moneta fiat, o fiduciaria, è emessa da un governo (il termine fiat deriva da una parola latina che significa per decreto). Il dollaro statunitense, il peso messicano, lo yen giapponese e la rupia indiana usati oggi sono tutti esempi di questa forma.

Il valore della moneta fiat dipende in larga misura dalle decisioni di governi e banche centrali. In sostanza, una banconota fiat è un pezzo di carta che detiene valore solo perché gli organi di governo lo decidono.

Va notato che, pur essendo considerata a volte un'invenzione recente, la fiat sotto forma di carta moneta ha origine nella Cina dell'XI secolo. E' stata anche sperimentata nell'Europa del XVII secolo e nelle americhe per duecento anni più tardi.

A differenza delle forme di moneta di cui abbiamo parlato finora, la moneta fiat non ha un elemento di scarsità. E' molto semplice produrre moneta cartacea da materiali facilmente reperibili, a differenza di merci agricole che richiedono tempo per crescere, o metalli preziosi che devono essere estratti. Senza questi limiti, entità come la Federal Reserve possono creare nuova moneta dal nulla.

A seconda di chi si chiede, questa è la sua più grande forza o la sua più grande debolezza. I sostenitori dei sistemi a moneta fiat affermano che l'abilità di inflazionare la fornitura di moneta fornisce ai governi una maggiore flessibilità per affrontare le crisi finanziarie o gestire l'economia generale. Controllando il mercato monetario e i tassi d'interesse, il governo ha un alto livello di controllo sulla situazione finanziaria del paese.

Ironicamente, lo stesso argomento viene presentato dagli oppositori della moneta fiat, ma in una luce diversa. Una delle principali critiche contro le politiche monetarie del governo è che l'inflazione erode lentamente la ricchezza dei possessori di moneta fiat. Senza controlli, può portare a un aggressivo periodo di inflazione (iperinflazione), che essenzialmente svaluta totalmente la moneta e può causare enormi danni economici e sociali.


Dove si posiziona la criptovaluta?

Bitcoin è stato definito sia come denaro digitale che come oro digitale. Da una parte, imita molte delle caratteristiche della moneta viste nelle merci (ossia, fungibilità, divisibilità, portabilità), rendendolo un mezzo di scambio ideale.

Dall'altra, viene valorizzato sempre di più per le sue proprietà da riserva di valore. I sostenitori di Bitcoin come oro digitale credono che la sua politica prestabilita di deflazione (o, più esattamente, disinflazione) lo aiuterà a mantenere il potere d'acquisto nel tempo. Questo è in netto contrasto con le monete inflazionarie come il dollaro USA, che può essere svalutato a discrezione della Federal Reserve.

In apparenza, le criptovalute sembrano rientrare nella categoria della moneta merce. Anche se non hanno alcun uso al di fuori dei loro protocolli, non sono garantite da nulla o emesse da entità governative. Il valore della moneta, per quanto riguarda le valute digitali, deriva dalla valutazione a lei assegnata dal mercato libero.


In chiusura

Come abbiamo visto, la moneta assume diverse forme. Molti di noi sono abituati a pensare al valore nelle nostre valute fiat nazionali, ma queste sono invenzioni relativamente recenti. Le app di pagamento che usi oggi sono il risultato di migliaia di anni di evoluzione monetaria.

Le criptovalute sono un esperimento promettente nel prossimo capitolo della moneta. Se Bitcoin o altre criptovalute venissero adottate, sarebbero il primo vero esempio di merci digitali. Il tempo ci dirà se le criptovalute sostituiranno l'attuale regno delle valute fiat nel mondo.