Cos'è Yearn.finance (YFI)?
HomeArticoli

Cos'è Yearn.finance (YFI)?

Intermedio
3w ago
5m

Autore: Nick Chong


TL;DR

YFI è la criptovaluta nativa del protocollo Yearn.finance. È un governance token che permette agli utenti di votare sulla direzione in cui orientare il protocollo.

Sin dal suo lancio a luglio, YFI è diventato uno dei più grandi token basati su Ethereum grazie alla concentrazione del protocollo su strategie di yield farming automatizzate. In un certo senso, potresti vedere Yearn.finance come un robot che cerca sempre di trovare i migliori rendimenti nella DeFi su Ethereum.


Introduzione

La finanza decentralizzata – meglio conosciuta come DeFi– ha assistito a una crescita parabolica grazie al boom dei rendimenti offerti dai protocolli. Una parte cruciale di questa crescita può essere attribuita all'introduzione dei governance token, che consentono ai possessori di determinare la direzione in cui vogliono che i protocolli si sviluppino. I governance token sono un passo fondamentale nel processo di decentralizzazione dei protocolli DeFi.

Cavalcando l'onda dei governance token, Yearn.finance ha lanciato YFI a luglio 2020. In poco tempo, ha conquistato il settore delle criptovalute tracciando un rialzo da 3$ a 30.000$ in un mese.


Cos'è Yearn.finance?

Prima di approfondire YFI, dobbiamo comprendere Yearn.finance – conosciuto anche come yEarn.

Lanciato da Andre Cronje a inizio 2020, Yearn.finance è un protocollo basato su Ethereum focalizzato sul fornire ai suoi utenti l'accesso ai rendimenti più alti su depositi di ether, stablecoin e altcoin. Andre Cronje è uno sviluppatore fintech sudafricano motivato a creare Yearn.finance dopo aver trovato incongruenze nei rendimenti offerti da diverse applicazioni DeFi.

Dopo aver subito un exploit in seguito al lancio, Cronje ha rinnovato il protocollo per fornire agli utenti una nuova gamma di prodotti.


Funzionalità principali

La funzione principale del protocollo si chiama Vaults. Consente agli utenti di depositare criptovaluta e generare reddito. I fondi depositati vengono gestiti da una strategia che cerca di massimizzare il rendimento e minimizzare il rischio. Al lancio, Vaults era concentrato prevalentemente sulle stablecoin, ma col tempo l'offerta è stata ampliata per supportare prodotti in ether, Bitcoin tokenizzato, Chainlink e altre monete. 

Vaults è una componente importante in quanto mitiga gli elevati costi di transazione su Ethereum. Raggruppando il capitale, solo un conto (il gestore di ciascun Vault) deve pagare le commissioni di transazione (gas) per lo yield farming.

Inoltre, Yearn.finance offre altri servizi. Earn è una versione semplificata di Vaults che supporta solo stablecoin e Bitcoin tokenizzato. Zap permette agli utenti di scambiare stablecoin tradizionali per token LP (liquidity provider) che rappresentano stablecoin.

Attualmente Yearn.finance sta lavorando ad altri prodotti come yInsure, un protocollo di assicurazione decentralizzato per gli utenti della DeFi, e StableCredit, che agevolerà la concessione e l'assunzione di prestiti in un contesto decentralizzato.


Parliamo di YFI

Fino a luglio, Yearn.finance era un progetto piuttosto di nicchia. Dopo l'exploit avvenuto a inizio 2020 e il crollo del mercato crypto a marzo, molti utenti erano esitanti a utilizzare il nuovo protocollo.

Le cose sono cambiate quando Cronje ha pubblicato un blog post su Medium annunciando YFI, un token ERC-2' lanciato per consentire agli utenti di governare il protocollo di Yearn.finance.

YFI poteva essere "farmato" attraverso diversi metodi, tra cui fornire liquidità a Balancer, un exchange decentralizzato, e depositare capitale nei prodotti di Yearn.finance.

Anche se il post su Medium specificava che YFI non avesse "nessun valore intrinseco," il mercato ha cominciato ad accumulare monete. Dopo aver aperto il trading a 3$ in una pool di Balancer, la criptovaluta è salita alle stelle mentre gli investitori riconoscevano il valore nel governare Yearn.finance, che ha iniziato a ricevere depositi per decine di milioni di dollari.

Poco dopo il lancio, la comunità ha stabilito un'offerta massima di 30.000 monete, decidendo di mantenere scarso YFI invece di consentire un'ulteriore inflazione. Gli utenti insoddisfatti da questa decisione hanno forkato il progetto, creando un fork ora conosciuto come DFI.money o YFII.


➟ Vuoi iniziare con le criptovalute? Compra Bitcoin su Binance!


Decentralizzare Yearn.finance

YFI è stato cruciale per Yearn.finance in quanto ha generato depositi e attenzione, ma la moneta aveva un altro scopo: decentralizzare lo sviluppo e il controllo del protocollo tra gli utenti. 

Il meccanismo di farming permetteva a qualsiasi utente – a prescindere dal fatto che avesse 100$ o 1.000.000$ – di guadagnare YFI allo stesso tempo e allo stesso costo. Questo significava che ogni utente poteva acquisire TFI per influenzare Yearn.finance.

Dopo il lancio di YFI, è stato introdotto un portale di governance completo in cui i possessori di token possono votare su varie decisioni proposte dai membri della comunità. 

Le decisioni prese finora includono l'assunzione di un team di marketer e sviluppatori, e l'aggiunta di determinate strategie a Vaults. 

Inoltre, i possessori hanno preso la decisione fondamentale di fornire ai possessori di YFI l'accesso a una porzione dei profitti del protocollo. Le commissioni applicate all'interno dei prodotti di Yearn.finance si accumulano nella Treasury, che successivamente viene distribuita tra i possessori di YFI e il team. Questo rende YFI un asset con rendimento da dividendi, diverso da Bitcoin o Ethereum.


L'importanza di YFI

Mentre molti si concentrano sull'andamento dei prezzi di YFI, il token è particolarmente importante perché ha segnato una svolta nel modo in cui i protocolli possono incentivare l'adozione. Qualcuno sostiene che il lancio di YFI sia stato "il lancio più equo dopo quello di Bitcoin," in quanto chiunque poteva partecipare nella generazione della moneta pagando lo stesso prezzo.

Invece di adottare un modello Initial Coin Offering (ICO), in cui gli utenti pagano un certo prezzo per ogni nuova moneta, gli utenti di YFI hanno dovuto partecipare al protocollo. Questo meccanismo ha reso possibile il rapido sviluppo di una comunità intorno al progetto, formata da utenti con ciascuno la stessa capacità di influenzare Yearn.finance attraverso il governance token.

Anche dopo la volatilità iniziale del prezzo, Yearn.finance ha una comunità tra le più attive nel panorama della finanza decentralizzata e nel settore crypto in generale. 


Sfide

YFI non è però privo di sfide. Dato che Andre Cronje è stato il genio dietro Yearn.finance e YFI per molto tempo, gli investitori seguono tutte le sue mosse attentamente. Ciò significa che se si prende una pausa, molti potrebbero considerarlo un duro colpo per YFI. Quindi, qualcuno ritiene che il progetto sia ancora centralizzato intorno a questo soggetto chiave (almeno in una certa misura).

Questa percezione è stata sottolineata mesi fa quando alcune fonti hanno segnalato che Cronje volesse lasciare il campo della DeFi. I prezzi di YFI sono crollati tra la preoccupazioni per conseguenze disastrose ai danni del progetto.

Questo trend "Cronje Premium" (come definito da alcuni trader) sta perdendo lentamente rilevanza man mano che Yearn.finance introduce nuovi membri nel team. Potrebbe non essere più un problema se la governance decentralizzata continua a svilupparsi senza l'influenza di Cronje.


In chiusura

Il lancio di YFI ha segnato una svolta in tutto il settore per quanto riguarda il modo in cui i progetti di criptovalute distribuiscono monete. Fornendo un incentivo ai primi utenti, i progetti possono ottenere una rapida adozione e crescita della comunità. Questo si ricollega al concetto di "skin in the game," secondo cui chi ha interessi in gioco (che siano monetari o emozionali) in un investimento farà il possibile per consentirne il successo.

Yearn.finance è un protocollo interessante che sta creando prodotti finanziari decentralizzati unici. Il futuro appare luminoso dopo l'assunzione di un team di sviluppatori e marketer, ma solo il tempo ci rivelerà se il progetto riesce a prosperare nel panorama della DeFi su Ethereum.