Cosa sono il margine isolato e il margine incrociato nel trading di criptovalute?
Home
Articoli
Cosa sono il margine isolato e il margine incrociato nel trading di criptovalute?

Cosa sono il margine isolato e il margine incrociato nel trading di criptovalute?

Intermedio
Pubblicato Aug 7, 2023Aggiornato Dec 11, 2023
11m

TL;DR

  • Il margine isolato e il margine incrociato sono due diversi tipi di margine disponibili su molte piattaforme di trading di criptovalute. 

  • Nel margine isolato, gli investitori decidono quanti fondi destinare come collaterale per una posizione specifica, e il resto dei saldi del conto non viene influenzato da questa operazione. 

  • Il margine incrociato utilizza tutti i fondi disponibili sul tuo conto come collaterale per tutte le operazioni. Se una posizione si muove contro di te ma un'altra è in profitto, il profitto può essere utilizzato per coprire la perdita, consentendoti di mantenere aperta la posizione più a lungo. 

  • La scelta tra margine isolato e margine incrociato dipende dalla strategia di trading, dalla tolleranza al rischio e da quanto attiva sarà la gestione delle posizioni.

Cos'è il trading con margine? 

Prima di passare al margine isolato e al margine incrociato, facciamo una breve panoramica riguardo il trading con margine. Nel trading con margine, gli investitori prendono in prestito fondi da un exchange o da un broker per comprare o vendere una quantità di asset superiore a quella che potrebbero permettersi da soli. Utilizzano gli asset nel loro conto come collaterale per contrarre debiti e fare scommesse più grandi, nella speranza di ottenere un profitto maggiore. 

Supponiamo che tu abbia 5.000$ e che pensi che il prezzo di Bitcoin aumenterà. Potresti comprare direttamente Bitcoin per 5.000$ o usare una leva sulla tua posizione per fare trading con fondi presi in prestito. Supponiamo che il prezzo di Bitcoin aumenti del 20%. Se avessi investito 5.000$ senza leva, il tuo investimento varrebbe ora 6.000$ (5.000$ iniziali + 1.000$ di profitto). Si tratta di un guadagno del 20% sull'investimento iniziale.

Tuttavia, se avessi utilizzato una leva finanziaria di 5:1 sui tuoi 5.000$, avresti preso in prestito quattro volte l'importo che avevi e avresti 25.000$ da investire (5.000$ dal tuo capitale originale e 20.000$ come prestito). Con un aumento del 20% del prezzo di bitcoin, il tuo investimento di 25.000$ vale ora 30.000$ (25.000$ iniziali + 5.000$ di profitto). Dopo aver ripagato il prestito di 20.000$, ti restano 10.000$. Si tratta di un ritorno del 100% sull'investimento iniziale di 5.000$.

Ricorda che il trading con margine è altamente rischioso. Consideriamo lo scenario opposto, in cui il prezzo di Bitcoin scende del 20%. Il tuo investimento di 5.000$ senza leva avrebbe un valore di 4.000$ (5.000$ iniziali - 1.000$ di perdita), con una perdita del 20%. Ma con una leva finanziaria di 5:1, il tuo investimento di 25.000$ varrebbe 20.000$ (25.000$ iniziali - 5.000$ di perdita). Dopo aver rimborsato il prestito di 20.000$, non ti rimarrebbe nulla, perdendo il 100% del tuo investimento iniziale.

Questo esempio semplificato non include le commissioni di trading o gli interessi che potrebbero essere dovuti sui fondi presi in prestito, che ridurrebbero i tuo profitti in scenari di trading reali. È importante ricordare che il mercato può muoversi rapidamente, causando potenziali perdite che potrebbero anche superare l'investimento iniziale. 

Cos'è il margine isolato? 

Il margine isolato e il margine incrociato sono due diversi tipi di margine disponibili su molte piattaforme di trading di criptovalute. Ciascuna modalità ha la sua utilità e i suoi rischi. Cerchiamo di capire cosa sono e come funzionano. 

In modalità margine isolato, la quantità di margine è limitata a una posizione specifica. Ciò significa che decidi quanti dei tuoi fondi vuoi destinare come collaterale per una posizione specifica, mentre il resto dei tuoi fondi non viene influenzato da quella particolare operazione. 

Supponiamo che hai un saldo totale del conto di 10 BTC. Decidi di aprire una posizione long con leva su Ethereum (ETH), scommettendo che il prezzo di ETH salirà. Allochi 2 BTC come margine isolato per questa operazione specifica con leva 5:1. Ciò significa che stai effettivamente facendo trading con 10 BTC di Ethereum (2 BTC dei tuoi fondi + 8 BTC della posizione con leva). 

Se il prezzo di Ethereum sale e decidi di chiudere la posizione, l'eventuale profitto ottenuto si aggiunge al tuo margine originale di 2 BTC per questa operazione. Ma se il prezzo di Ethereum scende drasticamente, il massimo che puoi perdere è il tuo margine isolato di 2 BTC. Anche se la tua posizione viene liquidata, gli altri 8 BTC sul tuo conto non vengono toccati. Ecco perché questo margine è chiamato "isolato". 

Cos'è il margine incrociato?  

Il margine incrociato utilizza tutti i fondi disponibili sul tuo conto come collaterale per le tue operazioni. Se una posizione si muove contro di te, ma un'altra è in profitto, il profitto può essere utilizzato per coprire la perdita, consentendoti di mantenere aperta la posizione più a lungo. 

Vediamo come funziona in un esempio. Hai un saldo totale sul conto di 10 BTC. Decidi di aprire una posizione long con leva su Ethereum (ETH) e un'altra posizione short con leva su una criptovaluta chiamata Z, utilizzando il margine incrociato. Per Ethereum, operi effettivamente con un valore di 4 BTC utilizzando una leva di 2:1, mentre per Z operi con un valore di 6 BTC, anch'esso con leva di 2:1. L'intero saldo di 10 BTC del conto viene utilizzato come collaterale per entrambe le posizioni.

Supponiamo che il prezzo di Ethereum scenda, causando una potenziale perdita, ma allo stesso tempo anche il prezzo di Z scenda, portando a un profitto per la tua posizione short. Il profitto dell'operazione su Z può essere utilizzato per coprire la perdita dell'operazione su Ethereum, mantenendo aperte entrambe le posizioni. 

Tuttavia, se il prezzo di Ethereum scende e quello di Z sale, entrambe le tue posizioni potrebbero andare in perdita. Se queste perdite superano il saldo totale del tuo conto, entrambe le posizioni potrebbero essere liquidate e potresti perdere l'intero saldo del conto di 10 BTC. Questo è molto diverso dal margine isolato, dove solo i 2 BTC che hai allocato all'operazione sono potenzialmente a rischio di perdita. 

Ricordiamo che questi sono esempi molto semplificati e non incorporano le commissioni di trading e altri costi. Inoltre, gli scenari di trading reali sono solitamente molto più complessi. 

Principali differenze tra margine isolato e margine incrociato

Dagli esempi sopra riportati, possiamo vedere chiaramente le somiglianze e le differenze tra il trading a margine isolato e quello a margine incrociato. Possiamo riassumere le loro principali differenze nel modo seguente:   

  1. Meccanismi di collaterale e liquidazione

Nel margine isolato, solo una parte specifica dei tuoi fondi viene allocata e messa a rischio per una particolare operazione. Ciò significa che se fai trading con 2 BTC in modalità margine isolato, solo quei 2 BTC sono a rischio di liquidazione. 

Nel margine incrociato, invece, tutti i fondi presenti sul conto fungono da collaterale per le operazioni. Se una posizione va a tuo sfavore, il sistema può utilizzare l'intero saldo del conto per evitare che quella posizione venga liquidata. Ciò significa che rischi di perdere l'intero saldo se le cose vanno molto male in più operazioni. 

  1. Gestione del rischio 

Il margine isolato consente una gestione del rischio più granulare. Puoi allocare importi specifici che sei disposto a rischiare su singole operazioni senza influenzare il resto del conto. Il margine incrociato, al contrario, combina il rischio su tutte le posizioni aperte. Può essere vantaggioso quando si gestiscono più posizioni che potrebbero compensarsi a vicenda, ma il rischio combinato può anche significare perdite potenzialmente più elevate.

  1. Flessibilità

Nel trading a margine isolato, se desideri aumentare il margine, dovrai aggiungere manualmente altri fondi alla posizione a margine isolata. Al contrario, il margine incrociato utilizza automaticamente il saldo disponibile sul conto per evitare la liquidazione di qualsiasi posizione, rendendo tutto più pratico in termini di mantenimento del margine. 

  1. Casi d'uso 

Il margine isolato è adatto ai trader che desiderano gestire il rischio su base individuale, in particolare quando hanno un'elevata convinzione su operazioni specifiche e vogliono mantenere i rischi separati. Il margine incrociato è più adatto per i trader che gestiscono posizioni multiple che potrebbero essere coperte l'una dall'altra, o per coloro che vogliono sfruttare l'intero saldo del loro conto, pur avendo un approccio più pratico alla manutenzione del margine. 

Pro e contro del margine isolato 

Ecco i pro e i contro del margine isolato: 

  1. Pro del margine isolato

Rischio controllato: Sei tu a decidere la porzione dei tuoi fondi da allocare e rischiare per una specifica posizione. Solo questo importo è a rischio, mantenendo il resto dei fondi al sicuro da potenziali perdite in quella particolare operazione.

Profitti e perdite più chiari (P&L): È più facile calcolare il profitto e la perdita di una singola posizione quando conosci l'esatto ammontare dei fondi ad essa legati.

Prevedibilità: Grazie alla segregazione dei fondi, i trader possono prevedere la perdita massima che possono subire nel peggiore dei casi, favorendo una migliore gestione del rischio.

  1. Contro del margine isolato:

Richiede un attento monitoraggio: Poiché solo una parte specifica dei fondi garantisce una posizione, dovresti monitorare più da vicino l'operazione per evitare una liquidazione.

Leva limitata: Se un'operazione inizia a muoversi contro di te e si avvicina alla liquidazione, non puoi attingere automaticamente al resto dei fondi del tuo conto per evitarla. Dovresti aggiungere manualmente altri fondi al margine isolato.

Gestione complicata: Destreggiarsi tra più margini isolati per diverse operazioni potrebbe essere complesso, soprattutto per i principianti o per chi gestisce numerose posizioni.

In sintesi, se da un lato il margine isolato offre un ambiente controllato per la gestione dei rischi nel trading con leva finanziaria, dall'altro richiede una gestione più attiva e può talvolta limitare il potenziale di profitto se non viene utilizzato con criterio. 

Pro e contro del margine isolato 

Ecco i pro e i contro del margine incrociato:

  1. Pro del margine incrociato

Flessibilità nell'allocazione del margine: Il margine incrociato utilizza automaticamente qualsiasi saldo disponibile sul conto per evitare la liquidazione di qualsiasi posizione aperta, offrendo una maggiore fluidità rispetto al margine isolato.

Compensazione delle posizioni: I guadagni di una posizione possono contribuire a compensare le perdite di un'altra posizione, rendendola potenzialmente utile per le strategie di copertura.

Riduzione del rischio di liquidazione: Mettendo in comune l'intero saldo, si riduce il rischio di liquidazione prematura di una singola posizione, poiché una pool più ampia di fondi può coprire i requisiti di margine.

Gestione più semplice di più operazioni: Semplifica il processo di gestione di più operazioni contemporaneamente, poiché non è necessario regolare il margine di ogni singola operazione.

  1. Contro del margine incrociato

Rischio più elevato di liquidazione totale: Se tutte le posizioni si muovono in modo sfavorevole e le perdite combinate superano il saldo totale del conto, c'è il rischio di perdere l'intero saldo del conto.

Minore controllo sulle singole operazioni: Poiché il margine è condiviso tra tutte le operazioni, diventa più difficile assegnare un rapporto rischio-rendimento specifico alle singole operazioni.

Potenziale di leva finanziaria eccessiva: Con la facilità di sfruttare l'intero saldo, i trader potrebbero essere tentati di aprire posizioni più grandi di quelle che avrebbero con un margine isolato, portando potenzialmente a perdite maggiori.

Meno chiarezza sull'esposizione al rischio: è più difficile valutare a colpo d'occhio l'esposizione totale al rischio, soprattutto se ci sono più posizioni aperte con diversi gradi di profitto e perdita.

Un esempio che utilizza sia il margine isolato che il margine incrociato

L'integrazione di strategie a margine isolato e incrociato può essere un modo più articolato per massimizzare il rendimento e minimizzare i rischi nel trading di criptovalute. Vediamo come funziona tramite un esempio. 

Supponiamo che tu abbia una visione rialzista su Ethereum (ETH) grazie ad aggiornamenti imminenti, ma che tu voglia anche coprire i potenziali rischi derivanti dalla volatilità generale del mercato. Sospetti che mentre Ethereum potrebbe salire, Bitcoin (BTC) potrebbe subire una flessione.

Puoi considerare di destinare una parte specifica del tuo portafoglio, ad esempio il 30%, per aprire una posizione long con leva su Ethereum utilizzando un margine isolato. In questo modo, limiterai le perdite potenziali a questo 30% nel caso in cui Ethereum non si comporti nel modo in cui hai previsto. Tuttavia, se il prezzo di Ethereum sale, potrai ottenere un guadagno significativo su questa parte del tuo portafoglio.

Con il restante 70% del portafoglio, utilizzi il margine incrociato aprendo una posizione short su Bitcoin e una posizione long su un'altra altcoin Z, che ritieni possa avere una buona performance indipendentemente dai movimenti di Bitcoin. 

In questo modo, utilizzi i potenziali guadagni di una posizione per compensare le potenziali perdite dell'altra. Se Bitcoin scende (come avevi previsto), i profitti che ne derivano possono compensare le perdite di Z e viceversa.

Dopo aver impostato queste posizioni, devi monitorare costantemente entrambe le strategie. Se Ethereum inizia a scendere, considera la possibilità di ridurre la posizione di margine isolato per limitare le perdite. Allo stesso modo, se Z nella strategia a margine incrociato inizia a sottoperformare in modo significativo, potresti prendere in considerazione la possibilità di adeguare le posizioni.

Integrando sia il margine isolato che quello incrociato, cerchi attivamente di trarre profitto dalle tue previsioni di mercato, coprendo al contempo i rischi. Tuttavia, anche se la combinazione di queste strategie può aiutare a gestire il rischio, non garantisce profitti o protezione dalle perdite. 

In chiusura 

Il trading con margine, con il suo potenziale di aumento dei profitti, comporta un grado di rischio equivalente, se non superiore. La scelta tra margine isolato e margine incrociato dipende dalla strategia di trading, dalla tolleranza al rischio e dalla gestione attiva delle posizioni.

Nel trading di criptovalute, dove la volatilità è spesso la norma, comprendere le complessità di entrambi i tipi di margine è fondamentale. Una decisione ben informata, unita a pratiche diligenti di gestione del rischio, può aiutare i trader a navigare nelle acque turbolente del mercato crypto. Come sempre, è fondamentale fare ricerche approfondite e, se possibile, consultare esperti prima di immergersi nel trading con margine.

Letture consigliate

Disclaimer e Avvertenza sui rischi: Questo contenuto viene presentato "così com'è" solo a scopo informativo ed educativo, senza alcuna dichiarazione o garanzia di alcun tipo. Non deve essere interpretato come consulenza finanziaria, legale o professionale di altro tipo, né intende raccomandare l'acquisto di alcun prodotto o servizio specifico. Sei tenuto a rivolgerti a consulenti professionali adeguati. Nel caso in cui l'articolo sia stato redatto da un collaboratore terzo, si prega di notare che le opinioni espresse appartengono al collaboratore terzo e non riflettono necessariamente quelle di Binance Academy.Si prega di leggere il nostro disclaimer completo qui per ulteriori dettagli. I prezzi degli asset digitali possono essere volatili. Il valore del tuo investimento può scendere o salire e potresti non recuperare l'importo investito. Tu sei l'unico responsabile delle tue decisioni di investimento e Binance Academy non è responsabile per eventuali perdite subite. Questo materiale non deve essere interpretato come una consulenza finanziaria, legale o professionale. Per ulteriori informazioni, consulta i nostri Termini di Utilizzo e l'Avvertenza sui rischi.