Cos'è Uniswap V4?
Home
Articoli
Cos'è Uniswap V4?

Cos'è Uniswap V4?

Intermedio
Pubblicato Aug 31, 2023Aggiornato Oct 25, 2023
9m

TL;DR

  • A giugno 2023, Uniswap ha rilasciato la bozza di codice per Uniswap V4, che propone nuove importanti funzionalità per il protocollo dell'exchange decentralizzato (DEX).

  • Le nuove funzioni includono gli "hook" che forniscono la personalizzazione delle pool di liquidità, un design singleton che rende più efficiente la liquidità cross-pool e il ritorno delle coppie di trading ETH native.

  • Uniswap V4 dovrebbe offrire numerosi vantaggi, tra cui maggiore personalizzazione, migliore efficienza, riduzione del gas e strategie di trading avanzate.

  • Tuttavia, Uniswap V4 presenta alcune possibili limitazioni, come la possibilità per Uniswap di riscuotere una parte delle commissioni di prelievo e la licenza che limita l'uso del codice sorgente.

Cos'è Uniswap?  

Uniswap è un exchange decentralizzato (DEX) che opera sulla blockchain di Ethereum. Permette agli utenti di fare trading di vari asset digitali utilizzando un modello di market maker automatizzato (AMM), eliminando la necessità dei tradizionali order book.

Uniswap è stato creato dallo sviluppatore Ethereum Hayden Adams nel 2018, che inizialmente si è basato sul concetto del cofondatore di Ethereum Vitalik Buterin di un market maker automatizzato on-chain.

Uniswap è cresciuto fino a diventare leader nel mercato dei DEX, vantando volumi di trading significativi e una liquidità più profonda rispetto ad altri DEX. Nel 2023, Uniswap si colloca tra i migliori DEX in base a varie metriche come il volume di trading, la liquidità e il numero di utenti attivi.

Uniswap ha subito varie modifiche, Uniswap V2 è stato lanciato nel 2020 e Uniswap V3 nel 2021. A \giugno 2023, Uniswap ha rilasciato la bozza di codice per Uniswap V4, che include nuove importanti funzionalità.

Ma prima di esplorare le nuove funzionalità di Uniswap V4, rivediamo le precedenti versioni di Uniswap per comprendere meglio la sua evoluzione.

Un'introduzione a Uniswap V1  

La versione iniziale, ovvero Uniswap V1, è stato lanciato a novembre 2018 come piattaforma proof-of-concept. La sua principale innovazione è stata l'introduzione del modello Constant Product Market Maker (CPMM).

Invece di affidarsi al tradizionale sistema basato sull'order book, Uniswap permetteva a chiunque avesse dei token disponibili di raggrupparli in una specifica coppia di trading (ad esempio, ETH/DAI) e di guadagnare in cambio una quota delle commissioni raccolte dagli utenti che effettuano operazioni di trading in questa pool di liquidità.

Uniswap V1 facilitava scambi tra token ERC-20 ed ether (ETH). Inoltre, consentiva gli scambi tra due token ERC-20. Il processo di scambio tra due token ERC-20 prevede una procedura in due fasi:

Scambio del token 1 (ERC-20) con ether (ETH).

Scambo di ether (ETH) con il token 2 (ERC-20).

Questo processo era necessario perché gli smart contract di Uniswap V1 supportavano solo pool di liquidità dirette tra token ERC-20 e ether (ETH).

Sebbene Uniswap V1 sia stato innovativo, aveva i suoi limiti, tra cui le inefficienze del suo algoritmo di determinazione dei prezzi che potevano essere sfruttate da chi fa arbitraggio e l'elevato slippage per le transazioni di grande volume.

Un'introduzione a Uniswap V2  

In risposta alle sfide affrontate da Uniswap V1, a maggio 2020 è stato lanciato Uniswap V2, che introduceva diversi miglioramenti fondamentali. Uniswap V2 ha adattato il suo modello AMM per includere gli swap diretti da token a token, con la conseguente riduzione dello slippage e miglioramento dell'efficienza del capitale. 

Inoltre, V2 ha introdotto i flash swap, che consentono agli utenti di prelevare quanto desiderano da una pool di liquidità e di fare qualsiasi cosa con quei fondi, purché restituiscano l'importo prelevato (più una commissione) all'interno della stessa transazione. Ciò ha facilitato le opportunità di arbitraggio e lo yield farming senza richiedere capitale iniziale.

Uniswap V2 ha anche introdotto il concetto di Time Weighted Average Prices (TWAP), che ha reso più facile per altre applicazioni decentralizzate utilizzare in modo sicuro i prezzi di Uniswap.

Un'introduzione a Uniswap V3

Lanciato a maggio 2021, Uniswap V3 si è concentrato sulla risoluzione di problemi legati all'efficienza del capitale e alla concentrazione della liquidità. Uniswap V3 consente ai fornitori di liquidità di scegliere specifici intervalli di prezzo entro i quali utilizzare i propri asset, guadagnando di conseguenza commissioni più elevate grazie a un maggiore utilizzo del capitale.

Uniswap V3 ha inoltre introdotto più livelli di commissioni (0,05%, 0,30% e 1,00%) per meglio adattarsi a diversi livelli di rischio e volumi di trading. 

La liquidità non fungibile (NFL) è un'altra nuova funzione che consente ai fornitori di liquidità di ricevere NFT che rappresentano la loro quota nelle pool di liquidità, permettendo agli utenti di fare trading, vendere o trasferire le loro posizioni di liquidità senza influenzare gli asset sottostanti nella pool.

Un'altra funzione degna di nota di Uniswap V3 è la sua integrazione con la soluzione Layer 2 di Ethereum, Optimism, che mira a ridurre le commissioni di transazione e a migliorare la scalabilità della piattaforma. 

Cosa c'è di nuovo in Uniswap V4? 

Sebbene Uniswap V4 non sia ancora stato rilasciato ufficialmente, le potenziali funzionalità e i miglioramenti sono pubblicati nella bozza di codice e nel whitepaper. Questi comprendono: 

1. "Hook" e pool personalizzate 

Uniswap V4 consentirebbe a chiunque di effettuare personalizzazioni attraverso l'introduzione degli "hook," contratti che vengono eseguiti in vari punti del ciclo di vita di una pool di liquidità. 

Per comprendere meglio gli "hook", è importante capire che ogni pool di liquidità ha un ciclo di vita che va dalla creazione, all'aggiunta, alla rimozione o alla regolazione della liquidità. Gli "hook" consentono agli sviluppatori di aggiungere codice che esegue azioni specifiche in punti chiave del ciclo di vita della pool. 

Ad esempio, è possibile aggiungere degli "hook" per consentire alle pool di liquidità di supportare le commissioni dinamiche in modo nativo, aggiungere ordini limit on-chain o agire come time-weighted average market maker (TWAMM) per distribuire ordini di grandi dimensioni nel tempo per ridurre al minimo l'impatto sui prezzi.

La personalizzazione delle pool di liquidità tramite "hook" può essere illimitata, dall'utilizzo di vari oracoli on-chain al deposito della liquidità non utilizzata nei protocolli di prestito. In definitiva, gli "hook" offrirebbero agli sviluppatori una notevole flessibilità per creare pool di liquidità personalizzate in base alle esigenze specifiche. 

2. Singleton 

In Uniswap V3,  è stato implementato un nuovo contratto per ogni pool di liquidità, rendendo più costose la creazione di pool e l'esecuzione di swap multi-pool. 

Un cambiamento importante in Uniswap V4 è che tutte le pool sono contenute in un unico contratto. Ciò consentirà un importante risparmio di gas perché gli swap non dovranno più trasferire token tra pool presenti in contratti diversi. Secondo le stime di Uniswap, Uniswap V4 potrebbe ridurre i costi gas del 99% per la creazione delle pool. 

3. Flash accounting 

Il design singleton è complementare a un'altra modifica strutturale di Uniswap V4, chiamata flash accounting. 

Nelle versioni precedenti di Uniswap, ogni operazione come lo scambio di token o l'aggiunta di liquidità a una pool si concludeva con il trasferimento di token. In Uniswap V4, i trasferimenti esterni vengono effettuati solo alla fine, semplificando le operazioni delle pool e riducendo i costi. 

Singleton e flash accounting consentono un routing più efficiente ed economico su più pool. Considerando che l'introduzione di "hook" aumenterebbe il numero di pool di liquidità, questo vantaggio è particolarmente utile. 

4. Coppie di trading ETH native 

Uniswap V4 sta riportando ETH nativo nelle coppie di trading. 

Come spiegato in precedenza, Uniswap V1 era limitato a coppie di token ETH/ERC-20. In Uniswap V2, tuttavia, le coppie ETH native sono state rimosse a causa della complessità relativa all'implementazione e dei timori di frammentazione della liquidità tra le coppie WETH ed ETH. 

Sia Uniswap V2 che Uniswap V3 richiedono alla stragrande maggioranza degli utenti di wrappare i propri ETH per WETH prima di fare trading sul protocollo Uniswap, processo che richiede gas extra. 

Grazie all'introduzione di singleton e flash accounting, Uniswap V4 consente di scambiare sia coppie WETH che ETH. Ciò andrebbe a vantaggio degli utenti, poiché i trasferimenti di ETH nativi (21k di gas) costano circa la metà di quelli ERC-20 (40k di gas).

Quali sono i vantaggi di Uniswap V4? 

Uniswap V4 è stato progettato per portare ulteriori possibilità nella creazione di liquidità e nel trading di token on-chain. I vantaggi includono: 

1. Personalizzazione 

Gli "hook" consentono agli sviluppatori di aggiungere nuove funzionalità alle pool di liquidità con grande flessibilità. Questo dovrebbe stimolare la creazione di pool innovative con caratteristiche di trading personalizzate. 

2. Efficienza

L'introduzione di "hook", contratti singleton e flash accounting potrebbe portare a una maggiore efficienza nel routing delle transazioni.

3. Riduzione del gas 

Le nuove funzioni di Uniswap V4 dovrebbero ridurre ulteriormente i costi gas. Questo potrebbe portare più utenti sul protocollo. 

4. Potenziale aumento dei guadagni per gli LP 

Potrebbero esserci strutture di commissioni dinamiche che offrono ai fornitori di liquidità (LP) un maggiore controllo e un potenziale di aumento dei guadagni. 

5. Strategie di trading avanzate 

Nuove funzionalità come il time-weighted average market maker (TWAMM), gli ordini limit e le commissioni dinamiche potrebbero consentire strategie di trading più avanzate che non erano possibili nelle versioni precedenti. Queste potrebbero essere interessanti per i trader più esperti.

Quali sono le potenziali limitazioni di Uniswap V4? 

Uniswap V4 presenta alcune potenziali limitazioni. Queste comprendono: 

1. Riscossione delle commissioni

Uniswap V4 prevede due meccanismi distinti di commissioni di governance: le commissioni di swap e le commissioni di prelievo, ciascuna con meccanismi diversi. Analogamente a Uniswap V3, la governance di Uniswap (Uniswap DAO e i detentori di token UNI) può scegliere di reclamare una percentuale massima della commissione di swap su una particolare pool. 

In Uniswap V4, la governance ha la possibilità di reclamare una percentuale limitata di tale commissione di prelievo se gli "hook" scelgono inizialmente di attivare le commissioni di prelievo per una pool. 

2. Licenza che limita l'uso 

Uniswap V4 sarà rilasciato sotto la Business Source License 1.1, che limita l'uso del codice sorgente di Uniswap V4 in ambito commerciale o di produzione per un massimo di quattro anni, dopodiché sarà convertito in una licenza General Public License (GPL) a tempo indeterminato. Questo ha portato alcuni membri della comunità a criticare il fatto che la nuova versione di Uniswap non sia realmente open-source. 

In chiusura 

Il mercato degli exchange decentralizzati (DEX) è un ecosistema in continua evoluzione, in cui emergono regolarmente nuovi protocolli e piattaforme. Uniswap è una presenza dominante nello spazio DEX e sta rilasciando la sua quarta versione cinque anni dopo la sua nascita avvenuta nel 2018; ogni versione passata del protocollo ha introdotto nuovi aggiornamenti che hanno migliorato le sue funzionalità. 

Il design di Uniswap V4 presenta importanti modifiche volte ad introdurre infinite possibilità nei DEX. Se da un lato questo design aperto offre agli sviluppatori uno spazio quasi illimitato per sperimentare, dall'altro potrebbe aggiungere una notevole complessità in termini di esperienza utente. Gli utenti dovranno studiare attentamente il funzionamento di una pool di liquidità e imparare cosa fa ogni "hook" prima di interagire con una pool. 

Tuttavia, i potenziali vantaggi di Uniswap V4 sembrano significativi. Per gli utenti, è sempre importante fare le proprie ricerche (DYOR) e comprendere appieno cosa si sta utilizzando. 

Letture consigliate

Disclaimer e Avvertenza sui Rischi: Questo contenuto viene presentato "così com'è" solo a scopo informativo ed educativo, senza alcuna dichiarazione o garanzia di alcun tipo. Non deve essere interpretato come consulenza finanziaria, legale o professionale di altro tipo, né intende raccomandare l'acquisto di alcun prodotto o servizio specifico. Dovresti chiedere una consulenza a consulenti professionali appropriati. Laddove l'articolo sia fornito da un collaboratore terzo, tieni presente che le opinioni espresse appartengono al collaboratore terzo e non riflettono necessariamente quelle di Binance Academy. Per ulteriori dettagli, leggi il nostro disclaimer completo qui. I prezzi degli asset digitali possono essere volatili. Il valore del tuo investimento può scendere o salire e potresti non recuperare l'importo investito. Sei l'unico responsabile delle tue decisioni di investimento e Binance Academy non è responsabile per eventuali perdite che potresti subire. Questo materiale non deve essere interpretato come consulenza finanziaria, legale o professionale. Per ulteriori informazioni, consulta i nostri Termini di Utilizzo e l'Avvertenza sui Rischi.