Una Guida per Principianti ai Grafici a Candele
HomeArticles

Una Guida per Principianti ai Grafici a Candele

Principiante
2w ago
5m

Contenuti


Introduzione

Come nuovo arrivato nel trading o negli investimenti, leggere i grafici può rivelarsi un compito arduo. Alcuni si affidano al loro istinto e fanno investimenti in base alle intuizioni. Anche se questa strategia potrebbe funzionare temporaneamente in un contesto di mercato bullish, o rialzista, molto probabilmente non funzionerà a lungo. 

Essenzialmente, il trading e gli investimenti sono giochi di probabilità e gestione del rischio. Quindi, essere in grado di leggere grafici a candele è vitale per quasi tutti gli stili di investimento. Questo articolo spiegherà cosa sono i grafici a candele e come si leggono.


Cos'è un grafico a candele?

Un grafico a candele è un tipo di grafico finanziario che rappresenta graficamente i movimenti del prezzo di un asset su un determinato periodo di tempo. Come suggerisce il nome, è composto da candele, ciascuna delle quali rappresenta lo stesso intervallo di tempo. Le candele possono rappresentare virtualmente qualsiasi periodo, da secondi ad anni. 

I grafici a candele risalgono a circa il XVII secolo. La loro creazione come strumento grafico viene spesso accreditata a un trader di riso giapponese di nome Homma. Le sue idee sono probabilmente ciò che ha fornito la base per il grafico a candele moderno che usiamo oggi. Le osservazioni di Homma sono state raffinate da molti, in particolare da Charles Dow, uno dei padri della moderna analisi tecnica.

Anche se i grafici a candele potrebbero essere utilizzati per analizzare qualsiasi tipo di dati, vengono applicati principalmente per facilitare l'analisi dei mercati finanziari. Se usati correttamente, sono strumenti che possono aiutare i trader a misurare la probabilità degli esiti nel movimento del prezzo. Possono essere utili in quanto permettono a trader e investitori di formare le proprie idee basandosi sulla loro analisi del mercato.


Come funzionano i grafici a candele?

I seguenti punti di prezzo sono necessari per creare ogni candela:

  1. Apertura — Il primo prezzo di trading dell'asset registrato all'interno di quel particolare intervallo di tempo.

  2. Massimo — Il più alto prezzo di trading dell'asset registrato all'interno di quel particolare intervallo di tempo.

  3. Minimo — Il più basso prezzo di trading dell'asset registrato all'interno di quel particolare intervallo di tempo.

  4. Chiusura — L'ultimo prezzo di trading dell'asset registrato all'interno di quel particolare intervallo di tempo.




Complessivamente, questo set di dati viene spesso chiamato valori OHLC. La relazione tra apertura, massimo, minimo e chiusura determina l'aspetto della candela.

La distanza tra apertura e chiusura viene indicata come il corpo della candela, mentre la distanza tra il corpo e il massimo/minimo viene chiamata wick o ombra. La distanza tra il massimo e il minimo della candela viene indicata come il raggio della candela. 


Come leggere i grafici a candele

Molti trader considerano i grafici a candele come più semplici da leggere rispetto ai grafici convenzionali a barre e linee, anche se forniscono informazioni simili. I grafici a candele possono essere letti a colpo d'occhio, offrendo una rappresentazione semplice del prezzo. 

In pratica, una candela mostra la battaglia tra bull e bear per un determinato periodo. In genere, più lungo è il corpo, più intensa è stata la pressione di acquisto o di vendita durante l'intervallo misurato. Se le ombre della candela sono corte, significa che il massimo (o il minimo) nel periodo di tempo misurato era vicino al prezzo di chiusura.

Il colore e le impostazioni possono variare in base ai vari strumenti grafici, ma in genere, se il corpo è verde, significa che l'asset ha concluso il periodo con un prezzo più alto di quello iniziale. Il colore rosso significa che il prezzo è sceso durante il periodo misurato, quindi la chiusura si trova al di sotto dell'apertura. 

Alcuni analisti preferiscono usare rappresentazioni in bianco e nero. Quindi, invece di usare verde e rosso, i grafici rappresentano i movimenti verso l'alto con candele vuote e i movimenti verso il basso con candele nere.


Cosa non dicono i grafici a candele

Anche se le candele sono utili per dare un'idea generale relativa ai movimenti del prezzo, potrebbero non fornire tutto ciò di cui hai bisogno per un'analisi comprensiva. Per esempio, le candele non mostrano nel dettaglio cosa è successo nell'intervallo tra apertura e chiusura, ma solo la distanza tra i due punti (insieme ai prezzi massimi e minimi).

Per esempio, mentre le ombre di una candela ci dicono il massimo e il minimo del periodo, non possono dirci quale tra questi è avvenuto prima. Nonostante ciò, in gran parte degli strumenti grafici, il periodo di tempo può essere cambiato, consentendo ai trader di zoomare in intervalli di tempo più brevi per ottenere maggiori dettagli.


I grafici a candele contengono inoltre molto rumore di mercato, soprattutto quando si analizzano timeframe più bassi. Le candele possono cambiare molto rapidamente, fattore che può renderle molto difficili da interpretare.


Le candele Heikin-Ashi

Finora abbiamo discusso di ciò che talvolta viene definito come grafico a candele giapponesi. Ci sono però altri modi per calcolare le candele. La Tecnica Heikin-Ashi è uno di questi.

Heikin-Ashi significa “barra media” in giapponese. Questi grafici a candele si basano su una formula modificata che utilizza la media dei dati di prezzo. L'obiettivo centrale è smussare il movimento dei prezzi e filtrare il rumore. Per questo, le candele Heikin-Ashi possono rendere più facile individuare trend, configurazioni dei prezzi e possibili inversioni di tendenza.

Spesso i trader usano le candele Heikin-Ashi in combinazione con le candele giapponesi per evitare i segnali falsi e aumentare le possibilità di avvistamento dei trend di mercato. Le candele Heikin-Ashi verdi senza ombre inferiori indicano generalmente una forte tendenza al rialzo, mentre le candele rosse senza ombra superiore possono indicare una forte tendenza al ribasso.

Anche se le candele Heikin-Ashi possono essere un potente strumento, come qualsiasi altro metodo di analisi tecnica hanno i loro limiti. Poiché queste candele utilizzano la media dei dati di prezzo, le configurazioni potrebbero richiedere più tempo per svilupparsi. Inoltre, questo tipo di candele non mostra le differenze di prezzo e potrebbe oscurare altri dati.


In chiusura

I grafici a candele sono uno degli strumenti più fondamentali per qualsiasi trader o investitore. Non solo forniscono una rappresentazione visuale dei movimenti del prezzo per un determinato asset, ma offrono anche la flessibilità per analizzare dati in diversi intervalli di tempo.

Uno studio approfondito dei grafici a candele e dei loro pattern, combinato con un mindset analitico e una pratica sufficiente, potrebbe eventualmente conferire ai trader un vantaggio sul mercato. Nonostante questo, la maggior parte dei trader e degli investitori concorda che è importante considerare anche altri metodi, come l'analisi fondamentale.