Market maker e market taker spiegati
Market maker e market taker spiegati
HomeArticoli

Market maker e market taker spiegati

Principiante
1mo ago
5m


Explain Like I'm Five (ELI5)

I mercati sono composti da maker e taker. I maker creano ordini d'acquisto o di vendita che non vengono eseguiti immediatamente (ad es., “vendi BTC quanto il prezzo arriva a 15.000$”). Questo crea liquidità, rendendo più facile per gli altri comprare o vendere BTC all'istante quando le condizioni sono soddisfatte. I partecipanti che comprano o vendono immediatamente sono chiamati taker. In altre parole, i taker riempiono gli ordini creati dai maker.


Contenuti


Introduzione

Su qualsiasi tipo di exchange (che sia per Forex, azioni o criptovalute), i venditori vengono abbinati ai compratori. Senza questi punti di incontro, saresti costretto a pubblicizzare la tua offerta per scambiare Bitcoin con Ethereum sui social media e sperare che qualcuno sia interessato.
In questo articolo, parleremo del concetto di maker e taker. Ogni operatore di mercato rientra in almeno una di queste categorie – infatti, come trader, probabilmente assumerai entrambi i ruoli a un certo punto. I maker e i taker sono la linfa vitale di molte piattaforme di trading, e la loro presenza (o assenza) separa gli exchange forti da quelli deboli.


Parliamo di liquidità

Prima di poter approfondire debitamente l'argomento dei maker e taker, è importante parlare della liquidità. Quando senti qualcuno dire che un asset è liquido o un asset è illiquido, si riferisce a quanto è facile venderlo. 

Un'oncia d'oro è un asset molto liquido in quanto può essere scambiato facilmente per contanti in un breve periodo di tempo. Una statua alta dieci metri del CEO di Binance che cavalca un toro, sfortunatamente, è un asset altamente illiquido. Anche se farebbe un'ottima figura nel giardino di chiunque, la realtà è che non tutti sarebbero interessati in un oggetto del genere.

Un'idea correlata (ma leggermente diversa) è quella della liquidità di mercato. Un mercato liquido consente di comprare e vendere asset facilmente al giusto prezzo. Presenta una forte domanda da parte di chi vuole acquisire l'asset e una forte offerta da chi vuole liberarsene. 
Vista la quantità di attività, compratori e venditori tendono ad incontrarsi a metà strada: l'ordine di vendita più basso (o ask price) sarà vicino all'ordine d'acquisto più alto (o bid price). Di conseguenza, la differenza tra bid più alto e ask più basso sarà piccola (o stretta). Questa differenza viene definita spread denaro-lettera.

Al contrario, un mercato illiquido non presenta nessuna di queste proprietà. Se vuoi vendere un asset, avrai problemi a trovare un prezzo adeguato in quanto la domanda è inferiore. Di conseguenza, spesso i mercati illiquidi hanno uno spread denaro-lettera molto più elevato.

Ok! Ora che abbiamo trattato la liquidità, possiamo proseguire ai maker e taker.


Market maker e market taker

Come accennato, i trader che utilizzano un exchange agiscono da maker o da taker. 


Maker

Spesso gli exchange calcolano il valore di mercato di un asset con un order book. È qui che vengono raccolte tutte le offerte degli utenti per vendere e comprare. Potresti inviare un ordine simile a questo:Compra 800 BTC a 4.000$, per esempio. Questo viene aggiunto all'order book, e verrà riempito quando il prezzo raggiunge i 4.000$. 
Gli ordini limit come quello indicato sopra richiedono di annunciare le tue intenzioni in anticipo aggiungendole all'order book. In un certo senso, sei un maker in quanto hai “fatto” il mercato. L'exchange è simile a un supermercato che applica una commissione per consentire agli individui di mettere prodotti sui suoi scaffali, e come maker sei uno degli utenti che aggiungono il loro inventario.
È piuttosto comune per i grandi trader e le istituzioni (come quelle specializzate in trading ad alta frequenza) di assumere il ruolo di market maker. Alternativamente, anche i piccoli trader possono diventare maker, semplicemente inviando determinati tipi di ordine che non vengono eseguiti immediatamente.


Taker

Continuando con l'analogia del supermercato, appare evidente che chi mette il proprio inventario sugli scaffali si aspetta che qualcuno entri e faccia acquisti. Questo qualcuno è il taker. Invece di comprare barattoli di fagioli al supermercato, però, sta consumando la liquidità fornita dal maker.

Pensaci bene: inserendo un'offerta nell'order book, aumenti la liquidità dell'exchange in quanto stai rendendo più facile per gli utenti comprare o vendere. Al contrario, un taker rimuove parte di questa liquidità con un ordine market, un comando per comprare o vendere al prezzo di mercato corrente. Quando lo fanno, ordini esistenti nell'order book vengono riempiti immediatamente.

Se hai mai piazzato un ordine market su Binance o un altro exchange di criptovalute, hai agito da taker. Nota però che puoi assumere il ruolo di taker anche usando gli ordini limit. Il punto è: sei un taker quando riempi l'ordine di qualcun altro. 



Commissioni maker-taker

Molti exchange generano una parte considerevole dei loro profitti applicando commissioni di trading per l'abbinamento di utenti. Ciò significa che quando crei un ordine e viene eseguito, paghi una piccola somma in commissioni. Tuttavia, questa somma cambia da un exchange all'altro, e potrebbe anche variare in base alle dimensioni della tua posizione e al tuo ruolo.

In genere, ai maker viene offerto un qualche tipo di sconto, in quanto stanno aggiungendo liquidità all'exchange. È una strategia utile per gli affari – i potenziali trader pensano oh wow, guarda questa piattaforma e la sua liquidità elevata, dovrei fare trading qui. In fondo, un exchange di questo tipo sarà più attraente di uno con meno liquidità, in quanto le operazioni vengono eseguite più facilmente. In molti casi, i taker pagano commissioni più alte rispetto ai maker, in quanto non forniscono liquidità come questi ultimi.
Come già menzionato, la struttura delle commissioni maker-taker dipende dalla piattaforma. Ad esempio, puoi vedere la differenza tra i prezzi per maker e taker applicati da Binance sulla pagina del programma tariffario.


In chiusura

Riassumendo, i maker sono i trader che creano ordini e aspettano che vengano riempiti, mentre i taker sono quelli che riempiono gli ordini di qualcun altro. L'aspetto chiave qui è che i market maker sono i fornitori di liquidità

Per gli exchange che usano un modello maker-taker, i maker sono fondamentali per l'attrattiva della piattaforma come posto in cui fare trading. In genere, gli exchange premiano i maker con commissioni più basse in quanto aggiungono liquidità. Al contrario, i taker sfruttano questa liquidità per comprare o vendere asset facilmente, e pertanto spesso pagano una commissione più elevata.


Hai altri dubbi sui maker e i taker? Sui tipi di ordini? Sulle strategie di trading in generale? Visita Ask Academy, dove la comunità risponderà alle tue domande!