Una Guida per Principianti ai Security Token
Una Guida per Principianti ai Security Token
HomeArticoli

Una Guida per Principianti ai Security Token

Principiante
Published Apr 20, 2020Updated Apr 29, 2021
6m

Introduzione

Una security è uno strumento finanziario che ha valore e può essere scambiato. In base a questa definizione, molti degli strumenti che vediamo oggi – azioni, obbligazioni, opzioni – potrebbero essere considerati security.

In un contesto legale, la definizione è notevolmente più sottile, e varia da giurisdizione a giurisdizione. Se uno strumento viene considerato una security in base ai criteri di un certo paese, sarà soggetto a un pesante controllo normativo.

In questo articolo, discuteremo di come la tecnologia blockchain si appresta a ottimizzare i mercati finanziari tradizionali con i security token.


Cos'è un security token?

Un security token è un token, emesso su una blockchain, che rappresenta una quota in qualche impresa o asset esterni. Questi token possono essere emessi da entità come aziende o governi e avere lo stesso scopo delle loro controparti uscenti (ovvero azioni, obbligazioni, ecc.).


Perché usare i security token?

Per definire un esempio, supponiamo che una compagnia abbia intenzione di distribuire azioni agli investitori in forma tokenizzata. Questi token possono essere progettati per fornire gli stessi benefici che ci si aspetterebbe dalle azioni – in particolare, diritti di voto e dividendi.

I vantaggi di questo approccio sono numerosi. Come per le criptovalute e le altre forme di token, i security token beneficiano dalle proprietà della blockchain su cui vengono emessi. Queste proprietà includono trasparenza, regolamento rapido, nessun downtime e divisibilità.

Trasparenza

Su un registro pubblico, le identità dei partecipanti sono astratte, ma tutto il resto può essere verificato. Chiunque è libero di esaminare gli smart contract che gestiscono i token, oppure monitorare l'emissione e le proprietà.

Regolamento rapido

La compensazione e il regolamento sono da tempo considerati un collo di bottiglia nel contesto dei trasferimenti di asset. Mentre le operazioni possono essere eseguite quasi istantaneamente, spesso la riassegnazione della proprietà richiede tempo. Su una blockchain, il processo è automatizzato e può essere completato in pochi minuti.

Tempi di attività

I mercati finanziari esistenti sono in un certo senso limitati nei loro tempi di attività. Sono aperti per periodi di tempo fissi durante i giorni della settimana, e chiusi nel weekend. I mercati degli asset digitali, invece, sono attivi a qualsiasi ora, ogni giorno dell'anno.

Divisibilità

Opere d'arte, beni immobiliari e altri asset di alto valore, una volta tokenizzati, potrebbero essere accessibili a investitori che potrebbero altrimenti non essere in grado di investire. Per esempio, potremmo avere un dipinto del valore di $5M tokenizzato in 5.000 unità, di modo che ciascuna valga $1.000. Questo aumenterebbe notevolmente l'accessibilità, fornendo allo stesso tempo maggiori livelli di granularità sugli investimenti.

E' bene notare, però, che alcuni security token potrebbero avere un limite in termini di divisibilità. In alcuni casi, se i diritti di voto o ai dividendi sono conferiti come quota azionaria, potrebbe esserci un limite sulla divisibilità del token per scopi di esecuzione.


Security token vs. utility token – qual è la differenza?

I security token e gli utility token presentano molte somiglianze. Tecnicamente, le offerte in entrambi i gruppi sono identiche. Sono gestiti da smart contract, possono essere inviati a indirizzi blockchain, e vengono scambiati su exchange o attraverso transazioni peer-to-peer.
Le differenze tra i due riguardano principalmente l'economia e le normative che li supportano. Possono essere emessi in Initial Coin Offering (ICO)Initial Exchange Offering (IEO), in modo che startup o progetti consolidati possano cofinanziare lo sviluppo dei propri ecosistemi.

Contribuendo fondi, gli utenti ricevono questi token digitali, i quali consentono la partecipazione (immediata o futura) al network del progetto. Possono conferire diritti di voto al possessore, o servire come valuta specifica del protocollo per accedere a prodotti o servizi.

Gli utility token non hanno valore intrinseco. Se un progetto cresce e ha successo, agli investitori non spetta alcuna porzione dei profitti, come nel caso di alcune security tradizionali. Potremmo paragonare il ruolo dei token a punti fedeltà. Possono essere usati per acquistare beni (o possono essere venduti), ma non offrono alcuna quota nell'azienda che li distribuisce.

Di conseguenza, il loro valore è spesso dovuto alla speculazione. Molti investitori comprano token nella speranza che il prezzo aumenti man mano che l'ecosistema si sviluppa. Se il progetto fallisce, è ben poca la protezione per il possessore.

I security token vengono emessi in modo simile agli utility token, anche se l'evento di distribuzione viene chiamato Security Token Offering (STO). Da una prospettiva d'investimento, però, le due tipologie di token rappresentano strumenti completamente diversi.

Anche se emessi su una blockchain, i security token rimangono security. In quanto tali, sono fortemente regolamentati per proteggere gli investitori e prevenire le frodi. In questo senso, una STO è molto più simile a una IPO che a una ICO.

Generalmente, quando gli investitori comprano un security token, stanno comprando azioni, obbligazioni o derivati. I loro token fungono effettivamente come contratti d'investimento e garantiscono diritti di proprietà su asset off-chain.


Cosa rende un token una security?

Allo stato attuale, il settore della blockchain non dispone della necessaria chiarezza sul piano giuridico. I regolatori in tutto il mondo stanno ancora cercando di mettersi al passo con un'ondata di nuove tecnologie finanziarie. Ci sono stati casi in cui gli emittenti ritenevano di aver emesso utility token, che in seguito sono stati dichiarati security dalla Securities and Exchange Commission (SEC).

Forse il parametro più famoso per tentare di determinare se una transazione corrisponda a un ‘contratto d'investimento’ è il Test di Howey. In breve, cerca di stabilire se un individuo che investe in un'impresa comune si aspetta di trarre profitto a causa delle azioni del promotore (o di una terza parte).

Il test è stato prodotto dai tribunali statunitensi molto prima dell'arrivo della tecnologia blockchain. E' quindi difficile applicarlo alla miriade di nuovi token. Detto questo, rimane uno strumento diffuso tra i regolatori che cercano di classificare gli asset digitali.

Ovviamente, ogni giurisdizione adotterà un quadro normativo diverso, ma molte seguono una logica simile.


Security token e finanza programmabile

Considerando le dimensioni attuali dei mercati, la tokenizzazione potrebbe trasformare radicalmente il mondo finanziario tradizionale. Investitori e istituzioni nel settore beneficerebbero enormemente da un approccio completamente digitale agli strumenti finanziari.

Nel corso degli anni, un ecosistema di database centralizzati ha creato una grande quantità di attrito. Le istituzioni devono dedicare risorse a processi amministrativi per gestire dati esterni incompatibili con i loro sistemi. La mancanza di standardizzazione a livello di settore aumenta i costi per le imprese e ritarda notevolmente il regolamento.

Una blockchain è un database condiviso con cui qualsiasi utente o azienda può interagire facilmente. Le funzioni gestite precedentemente dai server delle istituzioni potrebbero ora essere esternalizzate a un registro usato dal resto del settore. Tokenizzando le security, possiamo collegarle a un network interoperabile, consentendo tempi di regolamento veloci e compatibilità globale.

Dopodiché, l'automazione può gestire processi che altrimenti richiederebbero molto tempo. Per esempio, la conformità KYC/AML, il blocco di investimenti per periodi di tempo prestabiliti, e molte altre funzioni possono essere gestite da codice in esecuzione sulla blockchain.
Se vuoi leggere di più su questo tema, dai un'occhiata al nostro articolo Come la Tecnologia Blockchain Influenzerà il Settore Bancario.


In chiusura

I security token sembrano essere una progressione logica per il settore finanziario. Nonostante il loro uso della tecnologia blockchain, sono molto più vicini alle security tradizionali che alle criptovalute o ad altri token.
Resta tuttavia del lavoro da fare sul fronte della regolamentazione. Con asset che possono essere facilmente trasferiti in tutto il mondo, le autorità devono trovare modi efficaci per regolarne l'emissione e il flusso. Alcuni ipotizzato che anche questo può essere automatizzato con smart contract che codificano determinate regole. Progetti come Ravencoin, Liquid e Polymath facilitano già l'emissione di security token.

Se la promessa dei security token dovesse concretizzarsi, le operazioni delle istituzioni finanziarie potrebbero essere ottimizzate in modo significativo. Col tempo, l'utilizzo di token basati su blockchain al posto degli strumenti tradizionali potrebbe benissimo catalizzare la fusione tra i mercati legacy e delle criptovalute.