Le Mining Pool Spiegate
HomeArticles

Le Mining Pool Spiegate

Intermedio
4d ago
6m

Contenuti


Introduzione

Il mining è parte integrante della sicurezza delle blockchain Proof of Work. Calcolando hash con determinate proprietà, i partecipanti sono in grado di proteggere i network di criptovalute senza bisogno di un'autorità centrale.

Nel 2009, quando Bitcoin è stato lanciato, chiunque con un normale PC poteva competere con altri miner per indovinare una hash valida per il blocco successivo, perché la difficoltà di mining era bassa. Non c'era molto hash rate sul network. Di conseguenza, non era necessario hardware specializzato per aggiungere nuovi blocchi alla blockchain.

E' quindi ovvio che i computer in grado di calcolare il maggior numero di hash al secondo avrebbero trovato più blocchi. Questo ha provocato un grande cambiamento nell'ecosistema. I miner hanno iniziato una sorta di corsa agli armamenti per cercare di ottenere un vantaggio competitivo.

Dopo aver utilizzato varie tipologie di hardware (CPU, GPU, FPGA), i miner di Bitcoin hanno optato per le ASIC – Application-Specific Integrated Circuits. Questi dispositivi di mining non ti permettono di navigare su Binance Academy o twittare foto di gatti. 

Come suggerisce il nome, le ASIC sono state create per eseguire una singola attività: calcolare hash. Essendo progettate appositamente per questo scopo, lo fanno incredibilmente bene. Talmente bene che l'utilizzo di altri tipi di hardware per il mining di Bitcoin è diventato piuttosto raro.


Cos'è una mining pool?

Un buon hardware è utile solo fino a un certo punto. Potresti operare diverse ASIC a potenza elevata, e saresti comunque solo una goccia nell'oceano del mining di Bitcoin. Le probabilità di trovare effettivamente un blocco sono piuttosto scarse, anche se hai speso un sacco di soldi per il tuo hardware e per l'elettricità necessaria a farlo funzionare.

Non hai alcuna garanzia su quando verrai pagato con una block reward, e non puoi nemmeno sapere se verrai pagato. Se quello che cerchi è un guadagno costante, avrai molta più fortuna in una mining pool. 

Supponiamo che tu e altri nove partecipanti possediate ciascuno 0,1% del potere di hashing totale del network. Questo significa che, in media, ti aspetteresti di trovare un blocco su mille. Con una stima di 144 blocchi minati al giorno, probabilmente troveresti un blocco a settimana. A seconda della tua liquidità e del tuo investimento in hardware ed elettricità, questo approccio di “solo mining” potrebbe essere una strategia valida.

Tuttavia, cosa puoi fare se questa rendita non è sufficiente per ottenere un profitto? Potresti unire le forze con gli altri nove partecipanti che abbiamo menzionato. Se tutti combinaste il vostro potere di hashing, avreste l'1% dell'hash rate del network. Questo significa che trovereste in media un blocco su cento, ovvero da uno a due blocchi al giorno. Dopodiché, potreste dividere la ricompensa e distribuirla tra tutti i miner coinvolti.

In poche parole, abbiamo appena descritto una mining pool. Oggi sono molto usate, dato che garantiscono ai membri un flusso di guadagno più costante.


Come funzionano le mining pool?

In genere, una mining pool nomina un coordinatore incaricato di organizzare i miner. Questa figura si assicurerà che i miner utilizzino valori differenti per la nonce, in modo da non sprecare hash power cercando di creare gli stessi blocchi. Questi coordinatori saranno inoltre responsabili della divisione delle ricompense e dei pagamenti ai partecipanti. Ci sono diversi metodi usati per calcolare il lavoro svolto da ciascun miner e retribuirli opportunamente.


Mining pool Pay-Per-Share (PPS)

Uno dei sistemi di pagamento più comuni è il Pay-Per-Share (PPS). In questo schema, riceverai un importo fisso per ogni “share” che hai inviato. 

Una share è una hash usata per monitorare il lavoro di ciascun miner. L'importo pagato per ogni share è esiguo, ma si accumula nel tempo. Ricorda che una share non è una hash valida nel network. E' semplicemente una hash che soddisfa le condizioni definite dalla mining pool.

Nei sistemi PPS, vieni retribuito anche se la tua pool non trova un blocco. L'operatore della pool si assume il rischio, quindi è probabile che imporrà una commissione considerevole – in anticipo dagli utenti o dall'eventuale block reward.


Mining pool Pay-Per-Last-N-Shares (PPLNS)

Un altro schema popolare è il Pay-Per-Last-N-Shares (PPLNS). A differenza del PPS, il PPLNS retribuisce i miner solo quando la pool mina un blocco con successo. Quando la pool trova un blocco, controlla l'ultima quantità N di share inviate (N varia in base alla pool). Per calcolare il tuo pagamento, divide il numero di share che hai inviato per N, quindi moltiplica il risultato per la block reward (sottraendo la commissione dell'operatore).

Facciamo un esempio. Se l'attuale block reward è di 12,5 BTC (supponendo zero commissioni di transazione) e la commissione dell'operatore è del 20%, la ricompensa disponibile ai miner è 10 BTC. Se N è 1.000.000 e tu hai inviato 50.000 share, riceverai il 5% della ricompensa disponibile (o 0,5 BTC).

Puoi trovare diverse variazioni di questi due schemi, ma sono quelli di cui sentirai parlare più spesso. Nota che sebbene stiamo parlando di Bitcoin, anche gran parte delle criptovalute PoW ha le mining pool. Alcuni esempi includono Zcash, Monero, Grin e Ravencoin. 



Vuoi iniziare con le criptovalute? Compra Bitcoin su Binance!



Le mining pool sono un pericolo per la decentralizzazione?

Leggendo questo articolo, forse stanno suonando campanelli d'allarme nella tua testa. Non è forse vero che l'unica ragione per cui Bitcoin è così potente è il fatto che nessuna entità singola controlla la blockchain? Cosa succede se qualcuno ottiene la maggioranza del potere di hashing?

Queste sono domande molto valide. Se una singola entità riesce ad acquisire il 51% dell'hash power del network, può lanciare un 51% attack. Questo gli consentirebbe di censurare transazioni e invertirne di vecchie. Un attacco di questo tipo può causare danni enormi a un ecosistema di criptovalute.

Le mining pool aumentano il rischio di 51% attack? La risposta è: forse, ma è improbabile.


analisi in 24h dell'hash rate per pool

Ripartizione dell'hash rate per pool in 24 ore il 16 Aprile 2020. Fonte: coindance.com


In teoria, le quattro pool più grandi potrebbero collaborare per dirottare il network. Questo non avrebbe però molto senso. Anche se riuscissero a portare a termine un attacco, è probabile che il prezzo di Bitcoin crolli in quanto le loro azioni comprometterebbero il sistema. Di conseguenza, qualsiasi moneta che hanno acquisito perderebbe valore. 

Inoltre, le pool non possiedono necessariamente l'attrezzatura per il mining. Le entità puntano i propri dispositivi verso il server del coordinatore, ma sono libere di migrare verso altre pool. Mantenere l'ecosistema decentralizzato è nel migliore interesse sia dei partecipanti che degli operatori della pool.

Ci sono state alcune occasioni in cui le pool hanno raggiunto dimensioni considerate preoccupanti. In genere, la pool (e i suoi miner) prendono provvedimenti per ridurre l'hash rate.


In chiusura

Il panorama del mining di criptovalute è stato cambiato per sempre con l'introduzione della prima mining pool. Possono essere estremamente vantaggiose per i miner che vogliono un pagamento più costante. Con molti schemi differenti a disposizione, sono destinati a trovare quello che meglio risponde alle loro esigenze.

In un mondo ideale, il mining di Bitcoin sarebbe molto più decentralizzato. Per il momento, tuttavia, potremmo definirlo “sufficientemente decentralizzato”. In ogni caso, nel lungo termine nessuno beneficerebbe dall'acquisizione della maggioranza dell'hash rate da parte di una singola mining pool. I partecipanti impedirebbero probabilmente che ciò accada – dopotutto, Bitcoin non è gestito dai miner, ma dagli utenti.