Cosa sono Spark (FLR) e il Flare Network?
Indice
Introduzione
Cos'è il Flare Network?
Cos'è Spark Token (FLR)?
Cos'è il token FXRP?
L'airdrop di Spark ai possessori di XRP su Binance
In chiusura
Cosa sono Spark (FLR) e il Flare Network?
HomeArticoli
Cosa sono Spark (FLR) e il Flare Network?

Cosa sono Spark (FLR) e il Flare Network?

Intermedio
Published Dec 9, 2020Updated Nov 18, 2021
4m

TL;DR

Flare è un network distribuito con alcune proprietà uniche. Può essere usato per creare ponti bidirezionali tra network, come Ethereum e XRP Ledger. Questo significa che consente di usare il token XRP all'interno di smart contract.

Spark Token è il token nativo di Flare. Una porzione dell'offerta verrà distribuita ai possessori di XRP, anche quelli su Binance, attraverso un airdrop.


Introduzione

Come forse saprai, XRP Ledger (XRPL) di Ripple è un network di pagamento e scambio globale. Essendo ottimizzato per questo caso d'uso, offre utilità limitate per quanto riguarda altri generi di funzionalità. 
Questo è ciò che il Flare Network punta a risolvere introducendo il supporto degli smart contract per il token XRP. Spark è il token nativo di questo network, e una porzione della sua offerta verrà distribuita ai possessori di XRP idonei. Scopriamo come funziona.


Cos'è il Flare Network?

Il Flare Network è un network distribuito che integra la Ethereum Virtual Machine (EVM). Sostanzialmente, la EVM converte gli smart contract in istruzioni che i computer possono leggere – questo permette al network di eseguire smart contract Turing complete. Tale attributo significa che può effettuare praticamente qualsiasi attività computazionale, a condizione che ci sia memoria sufficiente per farlo.

Di conseguenza, può combinare delle importanti proprietà per creare un ecosistema di applicazioni decentralizzate. In breve, Flare mira a offrire scalabilità per i network di smart contract.

Flare utilizza un protocollo di consenso chiamato Avalanche, che è stato adattato per funzionare con il Federated Byzantine Agreement (FBA). FBA è un meccanismo di consenso usato da network come XRPL e Stellar. Non scenderemo nei dettagli in questo articolo, il punto è che l'algoritmo di consenso di Flare non si basa su meccanismi economici come la Proof of Stake (PoS) per mantenere la sicurezza del network. 
Forse ti stai chiedendo, quali sono questi meccanismi economici? Prendiamo ad esempio un token come ether (ETH) per il network di Ethereum. Quando Ethereum completerà la sua transizione verso la Proof of Stake (PoS) con Ethereum 2.0, la sicurezza del network dipenderà completamente dai validatori che mettono in staking i propri token. Questo significa che, per estensione, la sicurezza dipenderà dal token (e dalla quantità in staking). Il protocollo di consenso implementato da Flare non prevede questa misura.
Perché occorre sottolinearlo? In quanto consente di utilizzare il token del network per altri generi di applicazioni – anche alcune che sarebbero pericolose per i network che si affidano al token per la sicurezza. In pratica, secondo i creatori di Flare, questa scelta progettuale aggiunge una maggiore versatilità al token senza comprometterne la sicurezza.


Cos'è Spark Token (FLR)?

Spark è il token nativo del Flare Network. Il suo caso d'uso di base è simile a quello di altri token nativi – impedire gli attacchi di spam. Se le transazioni fossero gratuite, anche spammare e congestionare il network con transazioni inutili non costerebbe nulla.

Inoltre, Spark Token può essere usato per le seguenti funzionalità:

  • Come collaterale in applicazioni decentralizzate (dApp)
  • Per fornire dati a un oracolo on-chain
  • Per partecipare alla governance del protocollo

Queste tre componenti hanno l'obiettivo di abilitare un ecosistema di applicazioni basate su Spark chiamate Spark Dependent Application (SDA). Inoltre, le SDA consentono rappresentazioni trustless di token su altri network – anche quelli che non supportano nativamente gli smart contract. Inizi a intuire dove stiamo arrivando? Sì, qui entra in gioco XRP.


Cos'è il token FXRP?

FXRP è una rappresentazione trustless del token XRP sul Flare Network. Può essere creato e riscattato da possessori di XRP attraverso smart contract. 

Il sistema si basa su partecipanti che impegnano Spark Token come collaterale e guadagnano commissioni per la creazione e il riscatto di FXRP. Questo, combinato con le potenziali opportunità di arbitraggio, dovrebbe garantire che il rapporto 1:1 tra XRP e FXRP venga conservato.
Abbiamo menzionato che Flare consente di usare smart contract su network che non li supportano. Questo è esattamente l'obiettivo di FXRP. Permette a XRP di essere usato negli smart contract senza bisogno di un'autorità centrale per emettere wrapped token. In altre parole, in modo trustless.



L'airdrop di Spark ai possessori di XRP su Binance

45 miliardi di token Spark verranno distribuiti ai possessori di XRP attraverso un airdrop. I token saranno reclamati con wallet o partecipando all'airdrop tramite Binance. In questo modo, tutta la parte tecnica viene gestita per conto degli utenti, a cui bastava conservare XRP su Binance al momento dello snapshot.

  • Quali erano i requisiti per ricevere l'airdrop di Spark?
    • Avere XRP su Binance al momento dello snapshot.
  • Quando si è verificato lo snapshot?
    • Lo snapshot è avvenuto in parallelo al primo numero dell'indice di XRP Ledger con una marca temporale successiva alle 00:00 AM del 12/12/2020 (UTC).
  • Quando sono stati distribuiti i token?
    • I token dell'airdrop verranno distribuiti in futuro.


Per maggiori informazioni sull'airdrop di Spark Token su Binance, visita questa pagina.


In chiusura

Il Flare Network è una nuova soluzione di scalabilità per i network che non supportano smart contract. Flare consente di usare XRP in smart contract in modo trustless. Una porzione dell'offerta di Spark verrà distribuita ai possessori di XRP, inclusi quelli su Binance.

Hai altri dubbi sul Flare Network e Spark? Scopri la nostra piattaforma Q&A, Ask Academy, dove la comunità di Binance risponderà alle tue domande.