Cos'è Ethereum?

Condividi
Copied to clipboard!
Cos'è Ethereum?
Ascolta questo articolo
00:00 / 00:00

Capitoli

  1. Le Basi di Ethereum
  2. Da Dove Viene Ether?
  3. I Primi Passi con Ethereum
  4. Scalabilità, ETH 2.0 e il Futuro di Ethereum
  5. Ethereum e la Finanza Decentralizzata (DeFi)
  6. Partecipare al Network di Ethereum


Capitolo 1 Le Basi di Ethereum

Contenuti


Cos'è Ethereum?

Ethereum è una piattaforma informatica decentralizzata. Puoi vederla come un laptop o un PC, ma non viene eseguita su un singolo dispositivo. Invece, funziona contemporaneamente su migliaia di dispositivi in tutto il mondo, il che significa che non ha un proprietario.

Ethereum, come Bitcoin e altre criptovalute, ti permette di trasferire denaro digitale. Tuttavia, è capace di molto altro – puoi implementare il tuo codice, e interagire con applicazioni create da altri utenti. Grazie alla sua flessibilità, ogni sorta di programma sofisticato può essere lanciato su Ethereum.

In poche parole, l'idea centrale alla base di Ethereum è che gli sviluppatori possono creare e implementare codice che viene eseguito attraverso un network distribuito, invece di esistere su un server centralizzato. Questo significa che, in teoria, queste applicazioni non possono essere bloccate o censurate.


Qual è la differenza tra Ethereum e ether (ETH)?

Potrebbe essere controintuitivo, ma le unità usate in Ethereum non sono chiamate Ethereum o Ethereums. Ethereum è il protocollo stesso, ma la moneta che lo fa funzionare è semplicemente conosciuta come ether (o ETH).


Monete ether rimbalzanti


Cosa rende Ethereum prezioso?

Abbiamo accennato all'idea per cui Ethereum può eseguire codice attraverso un sistema distribuito. Per questo, i programmi non possono essere alterati da parti esterne. Vengono aggiunti al database di Ethereum (ovvero, la blockchain), e possono essere programmati in modo che il codice non possa essere modificato. Inoltre, il database è visibile a tutti, quindi gli utenti possono verificare il codice prima di interagire con esso.

Questo significa che chiunque, ovunque, può lanciare applicazioni che non possono essere disattivate. Ancora più interessante, dato che la sua unità nativa – ether – conserva valore, queste applicazioni possono impostare condizioni sui modi in cui il valore viene trasferito. Chiamiamo i programmi che compongono le applicazioni smart contract. Nella maggior parte dei casi, possono essere configurati per operare senza intervento umano.

Comprensibilmente, l'idea di “denaro programmabile” ha attirato utenti, sviluppatori e compagnie in tutto il mondo.


Cos'è la blockchain?

La blockchain è al centro di Ethereum – è il database che contiene le informazioni usate dal protocollo. Se hai letto il nostro articolo Cos'è Bitcoin?, avrai già una comprensione di base su come funziona la blockchain. La blockchain di Ethereum è simile a quella di Bitcoin, anche se i dati che archivia – e il modo in cui li archivia– sono differenti.

Possiamo paragonare la blockchain di Ethereum a un libro al quale continui ad aggiungere pagine. Ogni pagina è chiamata un blocco, ed è piena di informazioni sulle transazioni. Quando vogliamo aggiungere una nuova pagina, dobbiamo includere un valore speciale in cima alla pagina. Questo valore dovrebbe consentire a tutti di verificare che la nuova pagina sia stata aggiunta dopo la pagina precedente, e non inserita a caso nel libro.

Essenzialmente, è un po' come un numero di pagina che fa riferimento alla pagina precedente. Esaminando la nuova pagina, possiamo dire con certezza che segue quella precedente. Per farlo, usiamo un processo chiamato hashing

L'hashing prende un insieme di dati – in questo caso, tutto ciò che troviamo sulla nostra pagina – e restituisce un identificatore unico (la nostra hash). Le probabilità che due insiemi di dati restituiscano la stessa hash sono incredibilmente basse. Inoltre, si tratta di un processo unidirezionale: puoi calcolare facilmente una hash, ma è virtualmente impossibile invertire la hash per ottenere le informazioni usate per crearla. Parleremo dei motivi per cui questo è importante per il mining in un capitolo successivo.

Ora, abbiamo un meccanismo per collegare le nostre pagine nell'ordine corretto. Qualsiasi tentativo di modificare l'ordine o di rimuovere pagine renderà evidente che il nostro libro è stato alterato. 

Vuoi saperne di più sulle blockchain? Leggi la nostra Guida per Principianti alla Tecnologia Blockchain.


Ethereum vs. Bitcoin – qual è la differenza?

Bitcoin si basa sulla tecnologia blockchain e su incentivi finanziari per creare un sistema di moneta digitale globale. Ha introdotto alcune innovazioni chiave che consentono la coordinazione di utenti sparsi per il mondo senza la necessità di un organizzatore centrale. Dato che ogni partecipante esegue un programma sul proprio computer, Bitcoin ha reso possibile per gli utenti di accordarsi sullo stato di un database finanziario in un contesto trustless e decentralizzato.

Bitcoin è spesso considerato come una blockchain di prima generazione. Non è stato creato come un sistema troppo complesso, cosa che si rivela come un punto di forza per quanto riguarda la sicurezza. Viene mantenuto inflessibile intenzionalmente per dare la priorità alla sicurezza nel suo livello di base. Per questo, il linguaggio smart contract in Bitcoin è estremamente limitato, e non può ospitare molto bene applicazioni al di fuori delle transazioni.

La seconda generazione di blockchain, al contrario, è in grado di fare di più. Oltre alle transazioni finanziarie, queste piattaforme consentono un maggiore grado di programmabilità. Ethereum offre agli sviluppatori molta più libertà per sperimentare con il proprio codice e creare ciò che chiamiamo Applicazioni Decentralizzate (DApp).

Ethereum è stata la prima nell'ondata delle blockchain di seconda generazione e rimane ad oggi la più prominente. Presenta somiglianze con Bitcoin e può svolgere molte delle stesse funzioni. Tuttavia, i due sono in realtà molto differenti, e ciascuno ha i suoi vantaggi rispetto all'altro.


Come funziona Ethereum?

Possiamo definire Ethereum come una macchina a stati. Questo significa semplicemente che, in qualsiasi momento, hai uno snapshot di tutti i saldi dei conti e degli smart contract come appaiono correntemente. Alcune azioni causeranno l'aggiornamento dello stato, quindi tutti i nodi aggiorneranno il proprio snapshot per riflettere il cambiamento.


Scheda della transazione in cui erin invia 5 eth a alice.

Una transizione nello stato di Ethereum.


Gli smart contract eseguiti su Ethereum vengono attivati da transazioni (siano queste da utenti o da altri contratti). Quando un utente invia una transazione a un contratto, ogni nodo sul network esegue il codice del contratto e registra l'output. Per far ciò utilizza la Ethereum Virtual Machine (EVM), che converte gli smart contract in istruzioni leggibili dal computer.

Per aggiornare lo stato, si usa (per ora) un meccanismo speciale chiamato mining. Il mining segue un algoritmo Proof of Work, simile a quello di Bitcoin. Approfondiremo questo argomento a breve.


Cos'è uno smart contract?

Uno smart contract è semplicemente codice. Il codice non è né intelligente, né un contratto nel senso tradizionale. Lo chiamiamo smart in quanto esegue sé stesso secondo determinate condizioni, e può essere considerato un contratto in quanto fa rispettare accordi tra le parti.

L'idea, proposta a fine anni '90, viene attribuita allo scienziato informatico Nick Szabo. Ha usato l'esempio di un distributore automatico per spiegare il concetto, affermando che poteva essere visto come un precursore del moderno smart contract. Nel caso del distributore automatico, il contratto eseguito è semplice. Gli utenti inseriscono monete e, in cambio, la macchina eroga un prodotto di loro scelta.

Uno smart contract applica questo tipo di logica in un contesto digitale. Potresti specificare qualcosa di semplice nel codice come return “Hello, World!” quando due ether vengono inviati a questo contratto.


contratto hello world


In Ethereum, lo sviluppatore potrebbe programmarlo in modo che possa in seguito essere letto dalla EVM. Potrà quindi pubblicarlo inviandolo a un indirizzo speciale che registra il contratto. A quel punto, chiunque può usarlo, e il contratto non può essere eliminato, a meno che lo sviluppatore abbia specificato una condizione durante la scrittura.

Ora, il contratto ha un indirizzo. Per interagirci, gli utenti devono semplicemente inviare 2 ETH a quell'indirizzo. Questo attiverà il codice del contratto – tutti i computer sul network lo eseguiranno, vedranno che il pagamento è stato effettuato al contratto e registrandone l'output (“Hello, World!”).

Quello che abbiamo descritto sopra è forse uno degli esempi più elementari di ciò che è possibile realizzare con Ethereum. Applicazioni più sofisticate che collegano diversi contratti possono essere – e sono state – costruite.


Chi ha creato Ethereum?

Nel 2008, uno sviluppatore sconosciuto (o un gruppo di sviluppatori) ha pubblicato la whitepaper di Bitcoin sotto lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto. Questo ha cambiato in modo permanente il panorama del denaro digitale. Pochi anni più tardi, un giovane sviluppatore di nome Vitalik Buterin ha concepito un modo per approfondire questa idea e applicarla a qualsiasi tipo di applicazione. Il concetto è stato concretizzato in Ethereum.

Ethereum è stato proposto da Buterin in un blog post risalente al 2013 intitolato Ethereum: The Ultimate Smart Contract and Decentralized Application Platform. Nel suo post, ha descritto l'idea per una blockchain Turing-completa – un computer decentralizzato che, con tempo e risorse sufficienti, potrebbe eseguire qualsiasi applicazione. 

Nel tempo, i tipi di applicazioni che potrebbero essere implementati su una blockchain sarebbero stati limitati solo dall'immaginazione degli sviluppatori. Ethereum mira a scoprire se la tecnologia blockchain ha utilizzi validi al di fuori dei limiti di progettazione intenzionali di Bitcoin.


Come è stato distribuito ether?

Ethereum è stato lanciato nel 2015 con una fornitura iniziale di 72 milioni di ether. Oltre 50 milioni di questi token sono stati distribuiti in una vendita di token pubblica chiamata Initial Coin Offering (ICO), in cui gli interessati a partecipare potevano comprare token ether in cambio di bitcoin o valute fiat.


Cos'era The DAO e cos'è Ethereum Classic?

Con Ethereum, sono diventate possibili modalità di collaborazione aperta tramite Internet completamente nuove. Prendiamo, per esempio, le DAO (decentralized autonomous organizations), entità governate da codice informatico, simili a un programma informatico.

Uno dei primi e più ambiziosi tentativi di tale organizzazione è stata “The DAO”. Sarebbe stata composta da complessi smart contract in esecuzione sopra Ethereum, funzionando come venture fund autonomo. I token DAO sono stati distribuiti durante una ICO, conferendo una quota di proprietà, insieme a diritti di voto, ai possessori di token.

Tuttavia, poco dopo il suo lancio, degli hacker hanno sfruttato una vulnerabilità e sono riusciti a prosciugare quasi un terzo dei fondi della DAO. In quel momento, il 14% dell'intera fornitura di ether era bloccata nella DAO. Ovviamente, questo è stato un evento devastante per l'ancora giovane network di Ethereum.

In seguito ad alcune discussioni, la catena è stata sottoposta a un hard fork, separandosi in due. In una di queste, le transazioni degli hacker sono state effettivamente “invertite” per ripristinare i fondi – questa catena è quella che conosciamo oggi come la blockchain di Ethereum. La catena originale, in cui le transazioni non sono state invertite, e l'immutabilità è stata mantenuta, è oggi conosciuta come Ethereum Classic.

L'evento è diventato un duro promemoria dei rischi di questa tecnologia, e di come affidare grandi quantità di valore a un codice autonomo può avere conseguenze avverse. E' anche un interessante esempio sulle sfide significative che derivano dalle decisioni collettive. Trascurando le sue vulnerabilità in termini di sicurezza, però, The DAO ha illustrato perfettamente il potenziale degli smart contract nell'abilitare una collaborazione trustless su ampia scala attraverso l'Internet.





Capitolo 2 - Da dove viene ether?

Contenuti


Come viene creato nuovo ether?

Nel capitolo precedente abbiamo accennato al mining. Se hai familiarità con Bitcoin, saprai che il processo di mining è integrale per proteggere e aggiornare la blockchain. In Ethereum, vale lo stesso principio: per ricompensare gli utenti che fanno mining (un processo costoso), il protocollo distribuisce ether.


Quanti ether ci sono?

A Febbraio 2020, la fornitura totale di ether è di circa 110 milioni. 

A differenza di Bitcoin, il programma di emissione dei token è stato intenzionalmente lasciato indefinito al lancio. Bitcoin si è prefissato di preservare valore limitando la propria fornitura, e riducendo lentamente la quantità di nuove monete che entrano in circolazione. Ethereum, invece, mira a fornire una base per applicazioni decentralizzate (DApp). Poiché non è chiaro quale sia il programma di emissione dei token più adatto a questo scopo, la domanda rimane aperta.


Come funziona il mining di Ethereum?

Il mining è fondamentale per la sicurezza del network. Garantisce che la blockchain venga aggiornata seguendo le regole e consente al network di funzionare senza un organizzatore centrale. Nel mining, un sottoinsieme di nodi (chiamati appunto miner) dedicano potenza computazionale alla risoluzione di un'enigma crittografico.

Ciò che stanno effettivamente facendo è l'hashing di un set di transazioni in sospeso, insieme ad altri dati. Per fare in modo che il blocco sia considerato valido, la hash deve essere inferiore a un valore definito dal protocollo. Se i miner non hanno successo, possono modificare parte dei dati e riprovare.

Per competere con gli altri, i miner devono quindi riuscire a generare hash il più velocemente possibile – misuriamo la loro potenza in hash rate. Maggiore è l'hash rate sul network, più difficile sarà l'enigma da risolvere. Solo i miner devono trovare la soluzione – una volta trovata, è facile per gli altri partecipanti controllare che sia valida.

Come puoi immaginare, l'hashing continuo ad alte velocità è costoso. Per incentivare i miner a proteggere il network, viene distribuita una ricompensa, composta da tutte le commissioni sulle transazioni nel blocco. Inoltre, ricevono ether appena generato – 2 ETH al momento della stesura.


Cos'è Ethereum gas?

Ricordi il contratto Hello, World! che abbiamo menzionato prima? E' un programma molto semplice da eseguire, non richiede troppe risorse computazionali. Tuttavia, non lo stai solo eseguendo sul tuo PC – stai anche chiedendo a tutti nell'ecosistema di Ethereum di eseguirlo.

Questo ci porta alla seguente domanda: cosa succede quando decine di migliaia di persone stanno eseguendo contratti sofisticati? Se qualcuno imposta il proprio contratto per continuare a ripetere lo stesso codice, ogni nodo dovrà eseguirlo all'infinito. Questo richiederebbe troppe risorse e il sistema finirebbe probabilmente per crollare.

Fortunatamente, Ethereum introduce il concetto di gas per mitigare questo rischio. Proprio come la tua automobile non si muove senza benzina, i contratti non possono essere eseguiti senza gas. I contratti definiscono una quantità di gas che gli utenti devono pagare per eseguirli con successo. Se non c'è abbastanza gas, il contratto si bloccherà. 

In sostanza, è un meccanismo di commissioni. Lo stesso concetto si estende alle transazioni: i miner sono motivati principalmente dal profitto, quindi potrebbero ignorare le transazioni con una commissione inferiore.

Ricorda che ether e gas non sono la stessa cosa. Il prezzo medio del gas fluttua e viene deciso principalmente dai miner. Quando effettui una transazione, paghi per il gas in ETH. In questo contesto, è simile alle commissioni di Bitcoin – se il network è intasato e molti utenti stanno cercando di effettuare transazioni, è probabile che il prezzo medio del gas aumenterà. Al contrario, se l'attività è scarsa, il prezzo diminuirà.

Anche se il prezzo del gas varia, ogni operazione richiede una quantità di gas fissa. Questo significa che i contratti complessi consumeranno molto più di una semplice transazione. Quindi, il gas è una misura della potenza computazionale. Garantisce che il sistema possa presentare una commissione appropriata agli utenti in base al loro uso delle risorse di Ethereum.

In genere, il gas costa una frazione di ether. Di conseguenza, usiamo un'unità più piccola (gwei) per indicarlo. Un gwei corrisponde a un miliardesimo di un ether.

In poche parole, potresti eseguire un programma che si ripete per tanto tempo. Tuttavia, farlo diventerà rapidamente molto costoso. Per questo motivo, i nodi sul network di Ethereum possono mitigare lo spam.


Il prezzo medio del gas in gwei nel tempo

Il prezzo medio del gas in gwei nel tempo. Fonte: etherscan.io


Gas e limiti di gas

Supponiamo che Alice stia effettuando una transazione verso un contratto, e che abbia calcolato quanto vuole spendere in gas (per esempio, usando ETH Gas Station). Potrebbe scegliere un prezzo più alto per incentivare i miner a includere la sua transazione il più rapidamente possibile. 

Ma imposterà anche un limite di gas per proteggersi. Qualcosa potrebbe andare storto con il contratto, portandolo a consumare più gas di quanto ha previsto. Il limite di gas viene fissato per garantire che, una volta usata una quantità x di gas, l'operazione venga interrotta. Il contratto verrà bloccato, ma Alice non finirà per pagare più di quanto ha indicato inizialmente.

A primo imptto potrebbe sembrare un concetto difficile da comprendere. Non c'è da preoccuparsi – puoi impostare il prezzo che vuoi pagare per il gas (e il limite di gas) manualmente, ma gran parte degli wallet se ne occuperà al posto tuo. In breve, il prezzo del gas definisce la velocità con cui i miner includeranno la tua transazione, e il limite di gas definisce la quantità massima che pagherai. 


Quanto tempo ci vuole per minare un blocco di Ethereum?

Il tempo medio necessario per aggiungere un nuovo blocco alla catena è 12-19 secondi. Molto probabilmente questo intervallo cambierà una volta che il network effettua la transizione alla Proof of Stake, che mira, tra le altre cose, a rendere possibili tempi tra blocchi più rapidi. Per saperne di più, leggi Ethereum Casper Spiegato.


Cosa sono i token di Ethereum?

Una buona parte dell'attrattiva di Ethereum è la possibilità per gli utenti di creare i propri asset on-chain, i quali possono essere conservati e trasferiti come ether. Le regole che li governano sono definite in smart contract, consentendo agli sviluppatori di impostare parametri specifici per i loro token. Questi possono includere il numero da emettere, le modalità di emissione, la divisibilità, la fungibilità e tanti altri. Lo standard tecnico più diffuso che consente la creazione di token di Ethereum è chiamato ERC-20 – ed è per questo che i token sono comunemente noti come token ERC-20.

La funzionalità dei token offre agli innovatori un vasto terreno di gioco per sperimentare con applicazioni all'avanguardia nella finanza e nella tecnologia. Dall'emissione di token uniformi che fungono da valuta in-app, alla produzione di token unici garantiti da asset fisici, c'è una grande flessibilità nella progettazione. E' perfettamente possibile che alcuni dei migliori casi d'uso per una creazione di token facile e lineare non siano ancora stati scoperti. 





Capitolo 3 - I primi passi con Ethereum

Contenuti


Come posso comprare ETH?

Come comprare ETH con una carta di credito/debito

Binance ti permette di acquistare ETH facilmente dal tuo browser. Per farlo:


  1. Vai al portale Compra e Vendi Criptovalute
  2. Seleziona la criptovaluta che vuoi comprare (ETH), e la moneta con cui vuoi pagare.
  3. Accedi a Binance, o registrati se non hai un account.
  4. Seleziona il tuo metodo di pagamento.
  5. Se richiesto, inserisci i dettagli della tua carta e completa il processo di verifica dell'identità.
  6. Ecco fatto! I tuoi ETH verranno accreditati sul tuo account Binance.


Come comprare ETH su mercati peer-to-peer

Puoi anche comprare e vendere ETH su mercati peer-to-peer. Questo ti consente di acquistare monete direttamente da altri utenti usando la app mobile di Binance. Per farlo:


  1. Avvia l'app e accedi o registrati.
  2. Seleziona One click buy sell, poi visita la scheda Buy nell'angolo in alto a sinistra dell'interfaccia.
  3. Ti verrà presentato un numero di offerte diverse – usa il pulsante Buy su quella che vuoi scegliere.
  4. Puoi pagare con altre criptovalute (la scheda By Crypto) o con valute fiat (la scheda By Fiat). 
  5. In seguito, ti verrà chiesto il metodo di pagamento. Scegli quello che preferisci.
  6. Seleziona Buy ETH.
  7. Ora devi effettuare il pagamento. Quando hai finito, seleziona Mark as paid, e confirm.
  8. La transazione è completata quando il venditore invia le tue monete.


Cosa posso comprare con ether (ETH)?

A differenza di Bitcoin, Ethereum non è progettato per essere usato esclusivamente come un nework di criptovaluta. E' una piattaforma per la creazione di applicazioni decentralizzate, e come token scambiabile, ether è il carburante di questo ecosistema. Quindi, il caso d'uso primario per ether è senza dubbio l'utilità che offre all'interno del network di Ethereum.

Detto questo, ether può anche essere usato in modo simile a una moneta tradizionale, quindi puoi comprare beni e servizi con ETH come con qualsiasi altra valuta.


Heatmap dei rivenditori che accettano ether come pagamento.

Heatmap dei rivenditori che accettano ether come pagamento. Fonte: cryptwerk.com/coinmap


Per cosa viene usato Ethereum?

Le persone possono usare la valuta nativa di Ethereum, ETH, come moneta digitale o come collaterale. Molti la considerano anche una riserva di valore, simile a Bitcoin. A differenza di Bitcoin, però, la blockchain di Ethereum è più programmabile, quindi puoi fare molto di più con ETH. Può essere usato come la linfa vitale per applicazioni finanziarie decentralizzate, mercati decentralizzati, exchange, videogiochi e tanto altro


Cosa succede se perdo i miei ETH?

Dato che non ci sono banche coinvolte, sei tu il responsabile dei tuoi fondi. Puoi conservare le monete su un exchange, oppure in uno wallet. E' importante ricordare che se usi uno wallet, devi assolutamente avere cura della tua seed phrase. Tienila al sicuro, in quanto ne avrai bisogno per ripristinare i tuoi fondi nel caso in cui dovessi perdere l'accesso allo wallet.


Posso invertire le transazioni di Ethereum?

Una volta che i dati vengono aggiunti alla blockchain di Ethereum, è praticamente impossibile modificarli o rimuoverli. Questo significa che, quando effettui una transazione, questa è da considerare come scolpita nella pietra. Per questo, dovresti sempre controllare più volte che l'indirizzo a cui stai inviando fondi sia quello giusto. Se stai inviando una grande somma, potrebbe essere utile inviare prima un importo più piccolo per assicurarsi che l'indirizzo sia corretto.

Detto ciò, a causa di un hack ai danni di uno smart contract, nel 2016 Ethereum ha eseguito un hard fork, in cui le transazioni maligne sono state effettivamente “invertite”. Si è trattato, però, di una misura estrema adottata per un evento eccezionale, non la norma.


Le transazioni di Ethereum sono private?

No. Tutte le transazioni che vengono aggiunte alla blockchain di Ethereum sono visibili pubblicamente. Anche se il tuo vero nome non è stampato sul tuo indirizzo Ethereum, un osservatore potrebbe collegarlo alla tua identità attraverso altri metodi.


Posso guadagnare soldi con Ethereum?

Essendo un asset volatile, puoi guadagnare con ETH così come puoi perderci soldi. Alcuni preferiscono conservare ether a lungo termine, scommettendo sul futuro del network come livello di regolamento programmabile globale. Altri decidono di fare trading contro altre altcoin. Comunque, entrambe le strategie comportano dei rischi finanziari.

Essendo la colonna portante del movimento della Finanza Decentralizzata (DeFi), ETH può anche essere usato per concedere prestiti, come collaterale per contrarre prestiti, emettere asset sintetici e – in futuro – per fare staking.

Alcuni investitori potrebbero conservare una posizione a lungo termine in Bitcoin, senza includere nessun altro asset digitale nel proprio portafoglio. Al contrario, altri potrebbero scegliere di conservare ETH e altre altcoin nel loro portafoglio, oppure allocare una certa percentuale al trading a più breve termine (ad es., day trading o swing trading). Non esiste un approccio unico per guadagnare nei mercati, e ogni investitore dovrebbe decidere da solo quale strategia sia più adatta al proprio profilo e alle circostanze.


Come posso conservare i miei ETH?

Ci sono molte opzioni per conservare monete, ciascuna con i suoi pro e contro. Come per qualsiasi cosa che comporta un rischio, la soluzione migliore potrebbe essere diversificare tra le diverse opzioni disponibili.

In genere, le soluzioni di archiviazione possono essere custodiali o non custodiali. Una soluzione custodiale significa che stai affidando le tue monete a una terza parte (come un exchange). In questo caso, devi accedere alla piattaforma del custode per effettuare transazioni con i tuoi cryptoasset.

Una soluzione non custodiale è l'opposto – sei tu a mantenere il controllo dei tuoi fondi, usando uno wallet per criptovalute. Uno wallet non contiene le tue monete come un portafoglio fisico – invece, contiene le chiavi crittografiche che ti permettono di accedere ai tuoi asset sulla blockchain. E' importante ricordare di nuovo: è imperativo fare un backup della tua seed phrase quando usi uno wallet non custodiale!


Come depositare i tuoi ETH su Binance

Se hai già degli ether e vuoi depositarli su Binance, puoi farlo semplicemente seguendo questi rapidi passaggi:

  1. Accedi a Binance, o registrati se non hai ancora un account.
  2. Apri il tuo Spot Wallet e seleziona Deposita.
  3. Seleziona ETH dalla lista delle monete.
  4. Seleziona il network e invia i tuoi ETH all'indirizzo corrispondente.
  5. Ecco fatto! Quando la transazione viene confermata, i tuoi ether verranno accreditati al tuo account Binance.


Come conservare i tuoi ETH su Binance

Se vuoi fare trading attivamente con i tuoi ether, dovrai tenerli nel tuo account Binance. Conservare i tuoi ETH su Binance è facile e sicuro, e ti permette di approfittare facilmente dei vantaggi dell'ecosistema Binance attraverso i prestiti, lo staking, le promozioni airdrop, e i giveaway.


Come prelevare i tuoi ETH da Binance

Se hai già degli ether e vuoi prelevarli da Binance, puoi farlo semplicemente seguendo questi rapidi passaggi:

  1. Accedi a Binance.
  2. Apri il tuo Spot Wallet e seleziona Preleva.
  3. Seleziona ETH dalla lista delle monete.
  4. Seleziona il network
  5. Inserisci l'indirizzo ricevente e l'importo.
  6. Conferma il processo tramite email.
  7. Ecco fatto! Quando la transazione viene confermata, gli ether verranno accreditati all'indirizzo indicato.


Come conservare i tuoi ETH in uno wallet Ethereum

Se vuoi conservare i tuoi ETH in uno wallet, puoi scegliere tra due opzioni: hot wallet e cold wallet.


Hot wallet

Uno wallet per criptovalute connesso a internet in qualche modo viene chiamato hot wallet. In genere, si tratta di un'applicazione per mobile o desktop che ti permette di controllare i tuoi saldi e inviare o ricevere token. Dato che gli hot wallet sono online, tendono ad essere più vulnerabili ad attacchi, ma anche più pratici per i pagamenti quotidiani. Trust Wallet è un esempio di mobile wallet facile da usare con un sacco di monete supportate.

Cold wallet

Un cold wallet è un crypto wallet non esposto a internet. Dato che non ci sono vettori di attacco online, le probabilità di un attacco sono nell'insieme inferiori. Allo stesso tempo, i cold wallet sono in genere meno intuitivi da usare rispetto agli hot wallet. Esempi di cold wallet includono gli hardware wallet o i paper wallet, anche se l'uso di paper wallet viene spesso sconsigliato in quanto molti li considerano obsoleti e rischiosi.

Per un'analisi dei vari tipi di wallet, dai un'occhiata a Le Tipologie di Wallet Crypto Spiegate.


Cos'è il logo e il simbolo di Ethereum?

Vitalik Buterin ha progettato il primo emblema di Ethereum. Era formato da due simboli della somma Σ (Sigma dall'alfabeto greco). Il design finale del logo (basato su questo emblema) è formato da una forma romboidale chiamata ottaedro circondata da quattro triangoli. Come per altre valute, potrebbe essere utile avere un simbolo Unicode standard per ether, in modo che app e siti web possano mostrare facilmente i valori in ether. Anche se non è utilizzato ampiamente come, per esempio, il $ per l'USD, il simbolo più comune per ether è Ξ.





Capitolo 4 - Scalabilità, ETH 2.0 e il Futuro di Ethereum

Contenuti


Che cos'è la scalabilità?

In poche parole, la scalabilità è la misura della capacità di crescita di un sistema. Nell'informatica, per esempio, un network o un server possono essere ridimensionati per gestire una maggiore domanda attraverso vari metodi.

Nelle criptovalute, la scalabilità si riferisce all'efficacia con cui una blockchain può crescere per accogliere più utenti. Un maggior numero di utenti significa più operazioni e transazioni in “competizione” per essere incluse nella blockchain.


Perché Ethereum ha bisogno di scalare?

I sostenitori di Ethereum credono che la prossima iterazione di internet verrà sviluppata sulla piattaforma. Il cosiddetto Web 3.0 introdurrebbe una topologia decentralizzata caratterizzata dall'assenza di intermediari, una particolare attenzione alla privacy e una transizione verso la proprietà effettiva dei propri dati. Questa base sarebbe costruita usando risorse computazionali distribuite sotto forma di smart contract e protocolli di archiviazione/comunicazione distribuiti.

Per raggiungere questo obiettivo, però, Ethereum deve aumentare significativamente il numero di transazioni che può elaborare senza danneggiare la decentralizzazione del network. Al momento, Ethereum non argina il volume di transazioni limitando le dimensioni dei blocchi come fa Bitcoin. Invece, impone un limite di gas per blocco – solo una determinata quantità di gas può essere inclusa in un blocco.

Per esempio, se hai un limite di gas per blocco di 100.000 gwei e vuoi includere dieci transazioni con un limite di gas di 10.000 gwei ciascuna, nessun problema. Lo stesso vale per due transazioni da 50.000 gwei. Qualsiasi altra transazione presentata insieme a queste dovrà attendere il blocco successivo. 

Questo sistema non è ideale per un sistema che tutti stanno usando. Se ci sono più transazioni in sospeso rispetto allo spazio disponibile in un blocco, in poco tempo si formerà un backlog. Il prezzo del gas aumenterà, e gli utenti dovranno offrire più degli altri per far includere prima le proprie transazioni. A seconda di quanto è affollato il network, le operazioni potrebbero diventare troppo costose per alcuni casi d'uso.

L'ondata di popolarità di CryptoKitties è stato un ottimo esempio dei limiti di Ethereum su questo versante. Nel 2017, il gioco basato su Ethereum ha spinto molti utenti a effettuare transazioni per partecipare all'allevamento di gatti digitali (rappresentati come token non fungibili). Il gioco è diventato così popolare che le transazioni in sospeso sono aumentate a dismisura, risultando in una congestione estrema del network per qualche tempo.


Il Trilemma della Scalabilità Blockchain

Sembra che un semplice aumento del limite di gas per blocco allevierebbe tutti i problemi di scalabilità. Più alto il livello massimo, maggiore sarà il numero di transazioni che possono essere elaborate in un dato periodo, giusto?

Purtroppo, questa soluzione non è attuabile senza sacrificare proprietà fondamentali di Ethereum. Vitalik Buterin ha proposto il Trilemma Blockchain (rappresentato sotto) per spiegare il delicato equilibrio che le blockchain devono mantenere.


Trilemma Blockchain

Il Trilemma Blockchain: Scalabilità (1), Sicurezza (2), e Decentralizzazione (3).


Scegliendo di ottimizzare due delle tre proprietà indicate sopra, la terza sarà carente. Le blockchain come Ethereum e Bitcoin danno la priorità a sicurezza e decentralizzazione. I loro algoritmi di consenso garantiscono la sicurezza dei network, i quali sono composti da migliaia di nodi, ma questo porta anche a una scarsa scalabilità. Con un numero così alto di nodi che ricevono e convalidano transazioni, il sistema è molto più lento delle alternative centralizzate.

In un altro scenario, il limite di gas per blocco potrebbe essere rimosso in modo che il network ottenga sicurezza e scalabilità, ma non avrà lo stesso grado di decentralizzazione. 

Questo perché più transazioni in un blocco risultano in blocchi più grandi. I nodi nel network devono scaricare e propagare i blocchi periodicamente, e questo processo ha un'alta intensità sull'hardware. Quando il limite di gas per blocco viene aumentato, per i nodi diventa più difficile validare, archiviare e trasmettere blocchi.

Di conseguenza, è probabile che una percentuale dei nodi non riuscirebbe a continuare e lascerebbe il network. Continuando in questo modo, solo una frazione di nodi potenti sarebbe in grado di partecipare – portando a una maggiore centralizzazione. Potremmo arrivare a una blockchain sicura e scalabile, ma non sarebbe decentralizzata.

Infine, possiamo immaginare una blockchain che si concentra su decentralizzazione e scalabilità. Per essere allo stesso tempo veloce e decentralizzata, sono necessari sacrifici per quanto riguarda l'algoritmo di consenso utilizzato, portando a una sicurezza più debole.


Quante transazioni può elaborare Ethereum?

Negli ultimi anni, Ethereum ha raramente superato dieci transazioni al secondo (TPS). Per una piattaforma che punta a diventare un “computer globale”, questo numero è sorprendentemente basso.

Tuttavia, la tabella di marcia di Ethereum prevede delle soluzioni di scalabilità. Plasma è un esempio di soluzione di scalabilità. Mira ad aumentare l'efficienza di Ethereum, ma la tecnica può anche essere applicata ad altri network blockchain.


Cos'è Ethereum 2.0?

Nonostante il suo potenziale, Ethereum presenta attualmente delle notevoli limitazioni. Abbiamo già parlato del problema della scalabilità. In breve, se Ethereum vuole diventare la colonna portante del nuovo sistema finanziario, deve riuscire ad elaborare molte più transazioni al secondo. Considerando la natura distribuita del suo network, questo è un problema immensamente difficile da risolvere, e gli sviluppatori di Ethereum ci lavorano da anni.

Innanzitutto, è necessario imporre limiti per mantenere una decentralizzazione sufficiente. Più alti sono i requisiti per operare un nodo, meno saranno i partecipanti, e più il network diventerà centralizzato. Quindi, aumentare il numero di transazioni che Ethereum può elaborare potrebbe minacciare l'integrità del sistema, in quanto aumenterebbe anche l'onere sui nodi.

Un'altra critica nei confronti di Ethereum (e di altre criptovalute Proof of Work) è l'incredibile quantità di risorse richieste. Per riuscire ad aggiungere con successo un blocco alla blockchain, è necessario il mining. Per creare un blocco in questo modo, i nodi devono eseguire rapidamente computazioni che consumano enormi quantità di elettricità.

Per far fronte alle limitazioni descritte sopra, è stato proposto un importante insieme di aggiornamenti, conosciuti collettivamente come Ethereum 2.0 (o ETH 2.0). Una volta lanciato completamente, ETH 2.0 dovrebbe migliorare notevolmente le prestazioni del network.


Cos'è lo sharding di Ethereum?

Come accennato in precedenza, ciascun nodo conserva una copia dell'intera blockchain. Ogni volta che questa viene estesa, ogni nodo deve aggiornarla, consumando banda larga e memoria disponibile.

Usando un metodo chiamato sharding, questo potrebbe non essere più necessario. Il nome si riferisce al processo di dividere il network in sottoinsiemi di nodi – questi sono i nostri shard. Ciascuno di questi shard elaborerà le proprie transazioni e contratti, ma potrà comunque comunicare con il network di shard generale come richiesto. Dato che ogni shard convalida in modo indipendente, non è più necessario per ciascuno conservare dati da altri shard.


network senza sharding vs network con sharding

Il network a Marzo 2020 vs. il network con sharding implementato.


Lo sharding è uno degli approcci più complessi alla scalabilità, e richiede molto lavoro di progettazione e implementazione. Tuttavia, se implementato con successo, sarebbe anche uno dei più efficaci, aumentando le capacità del network di interi ordini di grandezza.


Cos'è Ethereum Plasma?

Ethereum Plasma è ciò che chiamiamo una soluzione di scalabilità off-chain – ovvero, mira a migliorare le capacità di elaborazione spostando transazioni al di fuori della blockchain. In questo senso, presenta alcune somiglianze con le sidechain e i canali di pagamento.

Con Plasma, le catene secondarie sono ancorate alla blockchain principale di Ethereum, anche se mantengono la comunicazione al minimo. Operano più o meno indipendentemente, ma gli utenti dipendono comunque dalla catena principale per risolvere controversie o “completare” le proprie attività sulle catene secondarie.

Ridurre la quantità di dati che i nodi devono conservare è vitale per la scalabilità di Ethereum. L'approccio di Plasma consente agli sviluppatori di delineare il funzionamento delle catene “figlio” in uno smart contract sulla catena principale. Dopodiché, sono liberi di creare applicazioni con informazioni o processi che sarebbero troppo costosi da archiviare/eseguire sulla catena principale.

Per un'introduzione completa a Plasma, leggi Cos'è Ethereum Plasma?


Cosa sono i rollup di Ethereum?

I rollup sono simili a Plasma in quanto hanno l'obiettivo di migliorare Ethereum spostando transazioni al di fuori della blockchain principale. Quindi, come funzionano? 

Un singolo contratto sulla catena principale contiene tutti i fondi sulla catena secondaria e mantiene una prova crittografica dello stato corrente della catena. Gli operatori di questa catena secondaria, che fissano un vincolo nel contratto mainnet, garantiscono che solo transizioni di stato valide vengano inviate al contratto mainnet. L'idea è che, mantenendo questo stato off-chain, non c'è bisogno di archiviare i dati sulla blockchain. La differenza centrale tra rollup e Plasma, però, sta nel modo in cui le transazioni vengono inviate alla catena principale. Usando un tipo di transazione speciale, è possibile “raggruppare” insieme un grande numero di transazioni all'interno di un blocco speciale chiamato Rollup block.   

Esistono due tipi di rollup: Optimistic e ZK Rollup. Entrambi garantiscono la correttezza delle transizioni di stato in modi diversi. 

Gli ZK Rollup inviano transazioni usando un metodo di verifica crittografico chiamato zero-knowledge proof. In particolare, un approccio ad esso chiamato zk-SNARK. Non scenderemo nei dettagli del suo funzionamento in questo articolo, ma come può essere usato per i rollup. E' un modo per dimostrare ai diversi partecipanti che hanno una particolare informazione senza rivelare cosa sia questa informazione. 

Nel caso degli ZK Rollup, questa informazione sono le transizioni di stato inviate alla catena principale. Un grande vantaggio di questo metodo è che il processo può svolgersi quasi istantaneamente, e non c'è praticamente alcuna possibilità di inviare alla catena stati compromessi. 

Gli Optimistic Rollup sacrificano parte della scalabilità per una maggiore flessibilità. Usando una macchina virtuale chiamata Optimistic Virtual Machine (OVM), permettono di eseguire smart contract su queste catene secondarie. Tuttavia, non ci sono prove crittografiche che la transizione di stato inviata alla catena principale sia corretta. Per mitigare questo problema, viene imposto un leggero ritardo per consentire agli utenti di contestare e respingere i blocchi non validi inviati alla catena principale. 


Cos'è la Proof of Stake (PoS) di Ethereum?

La Proof of Stake (PoS) è un metodo alternativo alla Proof of Work per la convalida dei blocchi. In un sistema Proof of Stake, i blocchi non vengono minati, ma coniati (a volte indicato come forgiati). Invece di miner che competono con potenza computazionale, un nodo (o validatore) viene scelto periodicamente a caso per convalidare un blocco candidato. Se fatto correttamente, riceverà tutte le commissioni sulle transazioni contenute nel blocco e, a seconda del protocollo, possibilmente anche un block reward.

Dato che non viene più usato il mining, la Proof of Stake è considerata meno dannosa per l'ambiente. I validatori consumano una frazione dell'energia utilizzata dai miner, e possono invece coniare blocchi su hardware comune.

La transizione di Ethereum da PoW a PoS è programmata come parte di Ethereum 2.0, con un aggiornamento conosciuto come Casper. Anche se una data esatta non è ancora stata annunciata, è probabile che la prima iterazione verrà lanciata nel 2020.


Cos'è lo staking di Ethereum?

Nei protocolli Proof of Work, la sicurezza del network è garantita dai miner. I miner non imbroglieranno, in quanto sprecherebbero elettricità e perderebbero le potenziali ricompense. Nella Proof of Stake, non viene applicata questa teoria dei giochi, ma diverse misure criptoeconomiche per garantire la sicurezza del network.

Invece del rischio di spreco, ciò che previene un comportamento disonesto è il rischio di perdere fondi. I convalidatori devono puntare una stake (ovvero una quantità di token) per partecipare alla convalida. Si tratta di una somma di ether fissa che viene persa se il nodo cerca di imbrogliare, oppure viene svuotata lentamente se il nodo non risponde o è offline. Tuttavia, se il convalidatore opera nodi aggiuntivi, otterrà più ricompense.


Quanti ETH mi servono per fare staking su Ethereum?

La stake minima stimata per Ethereum è 32 ETH per validatore. Questa cifra è così alta per rendere estremamente alto il costo per tentare un 51% attack.


Quanti ETH posso guadagnare con lo staking su Ethereum?

Non è una domanda semplice. Il guadagno si basa, ovviamente, sulla tua stake, ma anche sul numero totale di ETH in staking sul network e sul tasso d'inflazione. Come stima molto approssimativa, i calcoli attuali prevedono rendimenti annuali del 6%. Ricorda che questa è solo una stima, e potrebbe cambiare in futuro.


Per quanto tempo devo bloccare i miei ETH per lo staking?

Ci sarà una coda per prelevare i tuoi ETH dal tuo convalidatore. In assenza di questa coda, il periodo minimo per il prelievo è di 18 ore, regolato dinamicamente in base a quanti validatori stanno prelevando in un determinato momento.


Ci sono rischi nello staking di ETH?

Essendo un convalidatore con la responsabilità di mantenere la sicurezza del network, ci sono alcuni rischi da considerare. Se il tuo nodo convalidatore va offline per un periodo prolungato, potresti perdere una porzione notevole del tuo deposito. Inoltre, se il tuo deposito scende al di sotto di 16 ETH in qualsiasi momento, verrai rimosso dal gruppo di validatori.

Inoltre, è importante considerare un fattore di rischio più sistematico. La Proof of Stake non è mai stata implementata su tale scala prima, quindi non possiamo essere completamente sicuri che non fallirà in qualche modo. I software avranno sempre bug e vulnerabilità, e questo può avere un effetto devastante – soprattutto quando la posta in gioco ha un valore pari a miliardi di dollari.





Capitolo 5 - Ethereum e la Finanza Decentralizzata (DeFi)

Contenuti


Cos'è la Finanza Decentralizzata (DeFi)?

La Finanza Decentralizzata (o semplicemente, DeFi) è un movimento che punta a decentralizzare le applicazioni finanziarie. La DeFi è costruita su blockchain pubbliche e open source accessibili da chiunque con una connessione a internet (permissionless). Questo è un elemento cruciale per introdurre potenzialmente miliardi di persone a questo nuovo sistema finanziario globale. 

Nel crescente ecosistema della DeFi, gli utenti interagiscono con smart contract e tra di loro attraverso network peer-to-peer (P2P) e Applicazioni Decentralizzate (DApp). Il grande vantaggio della DeFi è che, oltre a rendere tutto questo possibile, gli utenti mantengono comunque la proprietà dei propri fondi in qualsiasi momento. 

In poche parole, la Finanza Decentralizzata (DeFi) mira a creare un nuovo sistema finanziario libero dalle restrizioni di quello attuale. Grazie al suo alto grado di decentralizzazione e alla sua grande base di sviluppatori, la maggior parte delle applicazioni DeFi sono attualmente in costruzione su Ethereum.  


Per cosa può essere usata la Finanza Decentralizzata (DeFi)?

Probabilmente lo sai già, ma uno dei principali vantaggi di Bitcoin è che non serve un'autorità centrale per coordinare l'operazione del network. Ma cosa succede se usiamo questa caratteristica come idea centrale e realizziamo applicazioni programmabili sopra di essa? Questo è il potenziale delle applicazioni DeFi. Nessun coordinatore centrale o intermediario, e nessun singolo punto di errore. 

Come già detto, uno dei grandi vantaggi della DeFi è il libero accesso. Ci sono miliardi di persone nel mondo che non hanno un buon accesso ad alcun tipo di servizio finanziario. Riesci ad immaginare come gestire la vita quotidiana senza la certezza delle tue finanze? Ci sono miliardi di persone che vivono così, e in ultima analisi, questo è il target demografico della DeFi.


La Finanza Decentralizzata (DeFi) diventerà mainstream?

Tutto questo sembra magnifico, quindi perché la DeFi non ha ancora conquistato il mondo? Attualmente, gran parte delle applicazioni DeFi è difficile da usare, scomoda, si rompe facilmente ed è altamente sperimentale. A quanto pare, elaborare anche solo i framework per questo ecosistema è estremamente difficile, soprattutto in un contesto di sviluppo distribuito.

Ingegneri software, esperti di teoria dei giochi, progettisti meccanici e tanti altri hanno ancora molto strada da fare per risolvere tutte le sfide legate alla costruzione dell'ecosistema DeFi. Per questo, resta ancora da vedere se le applicazioni DeFi riusciranno a raggiungere l'adozione mainstream.


Quali sono le applicazioni della Finanza Decentralizzata (DeFi)?

Uno dei casi d'uso più popolari per la Finanza Decentralizzata (DeFi) sono le stablecoin. Essenzialmente, sono token su una blockchain con un valore ancorato a un asset nel mondo reale, come una moneta fiat. Per esempio, BUSD è ancorato al valore dell'USD. Ciò che rende questi token pratici da usare è la loro esistenza su una blockchain, che li rende molto facili da conservare e trasferire.

Un altro tipo di applicazione diffuso sono i prestiti. Ci sono molti servizi peer-to-peer (P2P) che ti permettono di prestare i tuoi fondi ad altri e raccogliere gli interessi maturati. Infatti, uno dei modi più semplici per farlo è attraverso Binance Lending. Tutto quello che devi fare è trasferire i tuoi fondi al tuo wallet per i prestiti, e puoi iniziare a guadagnare interessi dal giorno successivo!

Comunque, la parte probabilmente più entusiasmante della DeFi sono le applicazioni difficili da categorizzare. Queste possono includere qualsiasi tipo di mercato peer-to-peer decentralizzato, in cui gli utenti possono scambiare oggetti da collezione crypto unici e altri oggetti digitali. Possono anche consentire la creazione di asset sintetici, in cui chiunque può creare un mercato per praticamente qualsiasi cosa che abbia valore. Altri utilizzi possono includere mercati di previsione, prodotti derivati e tanto altro.


Exchange Decentralizzati (DEX) su Ethereum

Un Exchange Decentralizzato (DEX) è una piattaforma che consente di effettuare operazioni direttamente tra gli wallet degli utenti. Quando fai trading su Binance, un exchange centralizzato, invii i tuoi fondi su Binance, e fai trading attraverso i suoi sistemi interni.

Gli Exchange Decentralizzati sono diversi. Grazie alla magia degli smart contract, ti permettono di fare trading direttamente dal tuo crypto wallet, eliminando la possibilità di hack ai danni dell'exchange e altri rischi.

Un ottimo esempio di exchange decentralizzato è Binance DEX. Alcuni altri esempi importanti costruiti su Ethereum sono Uniswap, Kyber Network e IDEX. Molti di questi ti permettono perfino di fare trading dal tuo hardware wallet per la massima sicurezza.


Exchange centralizzati vs. decentralizzati

Exchange centralizzati vs. decentralizzati.


Sopra, abbiamo illustrato le differenze tra exchange centralizzati e decentralizzati. A sinistra, puoi vedere che Binance si trova nel mezzo delle transazioni tra utenti. Quindi, se Alice vuole scambiare il Token A per il Token B di Bob, deve prima depositare gli asset sull'exchange. Dopo l'operazione, Binance riallocherà i saldi opportunamente.

A destra vediamo un exchange decentralizzato. Puoi notare che non c'è una terza parte coinvolta nella transazione. Invece, il token di Alice viene scambiato direttamente per quello di Bob usando uno smart contract. In questo modo, nessun partecipante deve fidarsi di un intermediario, in quanto i termini del loro contratto sono applicabili automaticamente.

A Febbraio 2020, i DEX tendono ad essere le applicazioni più usate sulla blockchain di Ethereum. Tuttavia, il volume di trading è ancora piccolo se paragonato agli exchange centralizzati. Nonostante questo, se gli sviluppatori e i designer di DEX arricchiscono l'esperienza utente per renderla più accogliente, in futuro i DEX potrebbero competere con gli exchange centralizzati.





Capitolo 6 - Partecipare al Network di Ethereum

Contenuti


Cos'è un nodo Ethereum?

“Nodo Ethereum” è un termine che può essere usato per descrivere un programma che interagisce in qualche modo con il network di Ethereum. Un nodo Ethereum può essere qualsiasi cosa da una semplice applicazione wallet per smartphone a un computer che conserva l'intera copia della blockchain. 

Tutti i nodi funzionano in una certa misura come punto di comunicazione, ma esistono diversi tipi di nodi sul network di Ethereum.


Come funziona un nodo Ethereum?

A differenza di Bitcoin, Ethereum non ha un singolo programma come implementazione di riferimento. Mentre l'ecosistema di Bitcoin ha Bitcoin Core come software primario per i nodi, Ethereum ha una varietà di programmi individuali (ma compatibili) basati sulla sua Yellow Paper. Opzioni popolari includono Geth e Parity.


Full node Ethereum

Per interfacciarti con il network di Ethereum in modo da convalidare dati blockchain in maniera indipendente, devi operare un full node usando software come quelli menzionati sopra. 

Il software scaricherà blocchi da altri nodi e verificherà che le transazioni incluse siano corrette. Inoltre, eseguirà tutti gli smart contract attivi per garantire la ricezione delle stesse informazioni in possesso degli altri peer. Se tutto funziona come previsto, possiamo aspettarci che ogni nodo abbia una copia identica della blockchain nel proprio dispositivo.

I full node sono essenziali per il funzionamento di Ethereum. Senza diversi nodi sparsi per il mondo, il network perderebbe le sue proprietà di resistenza alla censura e decentralizzazione.


Light node Ethereum

Operare un full node ti permette di contribuire direttamente alla salute e alla sicurezza del network. Tuttavia, un full node spesso richiede un dispositivo separato e una manutenzione occasionale. I light node potrebbero essere un'opzione migliore per gli utenti che non riescono a gestire un full node (o che preferiscono non farlo).

Come suggerisce il nome, i light node sono leggeri – utilizzano meno risorse e occupano uno spazio minimo. Per questo, possono essere usati su dispositivi comuni come smartphone o laptop. Questa comodità ha un costo: i light node non sono del tutto autosufficienti. Non sincronizzano completamente la blockchain e pertanto si affidano ai full node per ottenere informazioni rilevanti.

I light node sono popolari tra commercianti, servizi e utenti. Vengono usati ampiamente per effettuare e ricevere pagamenti in scenari dove i full node sono considerati non necessari e troppo costosi da gestire.

Mining node Ethereum

Un mining node può essere un client full o light. Il termine “mining node” non viene usato come nell'ecosistema di Bitcoin, ma è comunque importante identificare questi partecipanti.

Per fare mining su Ethereum, gli utenti hanno bisogno di hardware aggiuntivo. Una pratica comune prevede la costruzione di una mining rig. Con queste, gli utenti collegano insieme diverse GPU (unità di elaborazione grafica) per l'hashing di dati ad alte velocità.

I miner hanno due opzioni: il mining individuale o all'interno di una mining pool. Nel mining individuale, il miner lavora da solo per creare blocchi. Se ha successo, non spartisce le ricompense di mining con nessuno. L'opzione alternativa è unirsi a una mining pool, combinando la loro potenza di hashing con quella di altri utenti. Questo aumenterà le probabilità di trovare un blocco, ma dividerà anche la ricompensa con i membri della pool.


Come operare un nodo Ethereum

Uno degli aspetti più importanti delle blockchain è l'accesso libero. Questo significa che chiunque può eseguire un nodo Ethereum e rafforzare il network convalidando transazioni e blocchi. 

Analogamente a Bitcoin, ci sono diverse aziende che offrono nodi Ethereum plug-play. Questa potrebbe essere l'opzione migliore se vuoi operare un nodo nel modo più semplice possibile – preparati però a pagare extra per la comodità.

Come già menzionato, Ethereum ha diverse implementazioni software per i nodi, come Geth o Parity. Se vuoi gestire un nodo, dovrai familiarizzare con il processo di setup per l'implementazione che scegli di eseguire.

A meno che tu non voglia operare un nodo speciale chiamato archival node, un laptop comune dovrebbe essere sufficiente per operare un full node Ethereum. Allo stesso tempo, è meglio non usare il dispositivo che usi quotidianamente, in quanto potrebbe venire rallentato in modo significativo. 

Operare un nodo funziona meglio su dispositivi che possono essere sempre online. Se il tuo nodo va offline, potrebbe richiedere molto tempo per sincronizzarsi con il network una volta tornato online. Quindi, le soluzioni migliori sono dispositivi economici da costruire e facili da mantenere. Per esempio, puoi operare un light node anche su un Raspberry Pi.


Come fare mining su Ethereum

Dato che il network passerà presto alla Proof of Stake, il mining su Ethereum non è la scommessa a lungo termine più sicura. Dopo la transizione, è probabile che i miner di Ethereum punteranno i propri dispositivi di mining a un altro network, oppure li venderanno in blocco.

In ogni caso, se vuoi partecipare al mining su Ethereum, avrai bisogno di hardware specializzato, come GPU o ASIC. Se stai cercando rendimenti ragionevoli, probabilmente avrai bisogno di una mining rig personalizzata e un accesso a elettricità a basso costo. Inoltre, dovrai creare uno wallet Ethereum e configurare il mining software per usarlo. Tutto questo richiede un investimento notevole di tempo e denaro, quindi considera con attenzione prima di accettare la sfida. 


Cos'è la ProgPoW di Ethereum?

ProgPoW significa Programmatic Proof of Work. E' un'estensione proposta per l'algoritmo di mining di Ethereum, Ethash, progettata per rendere le GPU più competitive con le ASIC

La ASIC-resistance è stato un tema molto dibattuto per anni sia nella comunità di Bitcoin che in quella di Ethereum. Nel caso di Bitcoin, le ASIC sono diventate la forza dominante nel mining del network. 

Su Ethereum, invece, le ASIC sono presenti ma molto meno rilevanti – una porzione considerevole di miner stanno ancora usando GPU. Questa situazione potrebbe presto cambiare, però, man mano che nuove aziende introducono miner ASIC per Ethereum sul mercato. Ma perché le ASIC potrebbero essere un problema? 

Per prima cosa, le ASIC potrebbero ridurre drasticamente la decentralizzazione del network. Se i miner GPU non sono redditizi e devono interrompere le operazioni di mining, l'hash rate potrebbe concentrarsi nelle mani di una manciata di miner. Inoltre, sviluppare chip ASIC è costoso, e solo alcune compagnie hanno le capacità e le risorse per farlo. Questo crea una minaccia di monopolizzazione a livello di produzione, potenzialmente centralizzando il settore del mining di Ethereum nelle mani di una manciata di corporazioni.

L'integrazione della ProgPow è stato un argomento controverso sin dal 2018. Mentre alcuni pensano possa essere sano per l'ecosistema di Ethereum, altri si oppongono alla proposta per il potenziale hard fork che causerebbe. Con la transizione in arrivo alla Proof of Stake, resta da vedere se la ProgPoW verrà mai implementata sul network.


Chi sviluppa il software di Ethereum?

Come Bitcoin, Ethereum è open-source. Chiunque è libero di partecipare allo sviluppo del protocollo stesso, o di costruire applicazioni sopra di esso. Infatti, Ethereum ha attualmente la più grande comunità di sviluppatori nel settore della blockchain.

Risorse come Mastering Ethereum di Andreas Antonopoulos e Gavin Wood, e Developer Resources su Ethereum.org sono ottimi punti di partenza per gli sviluppatori che vogliono partecipare. 


Cos'è Solidity?

Gli smart contract sono stati descritti per la prima volta negli anni '90, ma implementarli sopra le blockchain ha posto una serie di sfide completamente nuove. Solidity è stato proposto nel 2014 da Gavin Wood, e da allora è diventato il linguaggio di programmazione principale per lo sviluppo di smart contract su Ethereum. Dal punto di vista sintattico, assomiglia a Java, JavaScript e C++.

Essenzialmente, Solidity è ciò che permette agli sviluppatori di scrivere codice che può essere scomposto in istruzioni comprensibili per la Ethereum Virtual Machine (EVM). Se vuoi saperne di più su come funziona, il GitHub di Solidity è il posto giusto per iniziare.

E' opportuno notare che Solidity non è l'unico linguaggio a disposizione degli sviluppatori Ethereum. Un'altra opzione popolare è Vyper, che assomiglia più a Python nella sua sintassi.