Il Volume-Weighted Average Price (VWAP) Spiegato

Condividi
Copied to clipboard!
Il Volume-Weighted Average Price (VWAP) Spiegato

Contenuti


Introduzione

Gli indicatori tecnici sono una parte essenziale dell'analisi dei mercati finanziari. Alcuni hanno l'obiettivo di illustrare l'impulso, come l'Indice di Forza Relativa (RSI), lo StochRSI o il MACD. Altri possono essere usati per trovare potenziali punti di interesse su un grafico, come i  Ritracciamenti di Fibonacci, il SAR Parabolico o le Bande di Bollinger.

Ma qual è l'indicatore più fondamentale che abbiamo a disposizione? Potremmo dire che sia il volume. Il volume può essere usato come strumento per confermare un trend, identificare potenziali punti di inversione e molte altre strategie.

Il VWAP combina la potenza del volume con l'azione dei prezzi per creare un indicatore pratico e facile da usare. I trader possono usare il VWAP come strumento per confermare i trend, oppure per identificare punti di ingresso e di uscita.

Andiamo a scoprire cos'è il VWAP, come funziona e in che modo i trader possono incorporarlo nella loro strategia di trading.


Cos'è il VWAP?

VWAP sta per volume-weighted average price, o prezzo medio ponderato per il volume. Come suggerisce il nome, si tratta del prezzo medio dell'asset su un determinato periodo ponderato per il volume.


esempio grafico del vwap


Ciò che rende il VWAP un indicatore particolarmente potente è il modo in cui incorpora il volume nel calcolo del prezzo medio. Alcuni trader credono che il volume sia il parametro più importante – secondo solo all'azione del prezzo. Quello che rende il VWAP uno strumento particolarmente utile sia per gli analisti che per i trader è il modo in cui unisce questi due importanti parametri in un unico indicatore.

Il VWAP può fornire un'indicazione sul trend di mercato dominante, così come per importanti aree di liquidità.

Se vuoi leggere di più su alcuni degli indicatori tecnici più utili, dai un'occhiata a 5 Indicatori Essenziali Usati nell'Analisi Tecnica.


Come calcolare il VWAP

Sulla maggior parte delle interfacce di trading, puoi semplicemente selezionare l'indicatore, e i calcoli verranno fatti in automatico. Comunque, può essere utile conoscere la formula utilizzata per poterlo usare in modo più efficiente. Quindi, come si calcola il VWAP?

Per calcolare il VWAP, dobbiamo sommare il valore scambiato per ogni transazione (prezzo moltiplicato per volume), quindi dividere questa cifra per il volume totale.

VWAP = ∑ (Prezzo Tipico * Volume ) / ∑ Volume

dove 


Prezzo Tipico = Massimo + Minimo + Chiusura / 3

Calcoliamo la linea VWAP su 5 minuti per un asset. Ecco cosa dobbiamo fare:

  1. Prima di tutto, dobbiamo calcolare il prezzo tipico per la prima candela da 5 minuti. Sommiamo Massimo, Minimo e Chiusura, quindi dividiamo la cifra per 3.
  2. Moltiplichiamo il prezzo tipico per il volume su quel periodo (in questo caso, 5 minuti). Chiamiamo questo valore n1, in quanto si riferisce al primo periodo misurato.
  3. Dividiamo n1 per il volume di trading totale fino a quel periodo. Questo ci dà il valore VWAP per i primi 5 minuti di trading.
  4. Per calcolare i valori VWAP successivi, dobbiamo continuare a sommare i nuovi valori n (n2, n3, n4…) per ciascun periodo ai valori precedenti. Quindi, dobbiamo dividere ciò per il volume totale fino a quel punto.

Ora sappiamo perché il VWAP viene chiamato un indicatore cumulativo, in quanto i valori aumentano con aggiunte successive.


Cosa dice il VWAP ai trader

Per chi è interessato a uno stile d'investimento a lungo termine più passivo, il VWAP può essere usato come parametro di riferimento per l'attuale prospettiva di mercato. Una semplice strategia potrebbe essere semplicemente acquistare asset che si trovano al di sotto della linea VWAP, indicando che sono potenzialmente sottovalutati.

Detto questo, alcuni trader possono usare l'incrocio tra prezzo e linea VWAP come segnale per entrare in un'operazione. Se il prezzo rompe e va al di sopra del VWAP, potrebbero aprire una posizione long. Al contrario, se il prezzo rompe e scende al di sotto del VWAP, potrebbero aprire una posizione short.

In questo senso, il VWAP può essere utilizzato in modo simile alle medie mobili. Quando il prezzo si trova sopra la linea VWAP, il mercato può essere interpretato come rialzista. Invece, se si trova sotto la linea VWAP, il mercato potrebbe essere ribassista. Questo, ovviamente, dipende in larga misura dal contesto del pattern tecnico e andrebbe considerato con cautela.

Il VWAP potrebbe anche essere usato per identificare aree di liquidità. Questo può essere particolarmente utile per i trader istituzionali che vogliono riempire grandi ordini. L'indicatore li aiuta a determinare punti di entrata e di uscita ideali per operazioni grandi, cosa che potrebbe diminuire il loro impatto sul mercato.

Il VWAP può anche essere usato per misurare l'efficienza dell'esecuzione di un'operazione. In questo senso, gli ordini d'acquisto eseguiti al di sotto del VWAP possono essere considerati ottimi, in quanto sono al di sotto del prezzo medio dell'asset ponderato per il volume. Al contrario, gli ordini d'acquisto eseguiti al di sopra del VWAP possono essere considerati pessimi, in quanto si trovano sopra al prezzo medio dell'asset ponderato per il volume.

Il fatto che alcuni grandi trader comprino sotto il VWAP e vendano sopra di esso potrebbe offrire un altro vantaggio per il mercato. In entrambi i casi, queste azioni spingono il prezzo  più vicino alla media. Questo garantisce che i grandi trader non spingano i prezzi troppo lontani dalla media con le loro azioni. Ricorda, però, che le whales fanno trading con dimensioni enormi, e potrebbero comunque avere un impatto notevole sui mercati.



Vuoi iniziare con le criptovalute? Compra Bitcoin su Binance!



Limiti del VWAP

Il VWAP è particolarmente utile come indicatore sul singolo giorno. Cercare di creare un VWAP su più giorni potrebbe portare a una media distorta. Per questo motivo, il VWAP funziona meglio per l'analisi infragiornaliera, ovvero l'analisi che considera un giorno di trading o meno.

Come le medie mobili, il VWAP è un indicatore laggante, in quanto si basa su dati di prezzo passati. Analogamente a una media mobile, più dati vengono usati, maggiore è il lag. Per questo, un VWAP a 20 minuti reagirà più rapidamente ai movimenti di prezzo correnti rispetto a un VWAP a 200 minuti. 

E' importante tenere presente che, essendo basato su dati di prezzo passati, il VWAP non ha alcuna capacità predittiva. 

Anche se il VWAP è un indicatore potente usato da molti trader, non dovrebbe essere interpretato in modo isolato. Per esempio, abbiamo discusso di come un asset può essere considerato sottovalutato quando il prezzo si trova sotto la linea VWAP. Tuttavia, in un forte uptrend, il prezzo potrebbe non scendere al di sotto del VWAP per un periodo di tempo considerevole.

Di conseguenza, i trader che stanno aspettando questo segnale specifico potrebbero rimanere fuori e lasciarsi sfuggire una potenziale opportunità. Detto questo, perdere un'operazione non è la fine del mondo. Se la strategia di entrata di un trader prevede un evento specifico, e questo non si verifica, non dovrebbe aprire una posizione. Tuttavia, se la sua strategia è ben congegnata e la rispetta costantemente, dovrebbe funzionare bene nel lungo periodo. A prescindere dall'approccio, è fondamentale comprendere e gestire i rischi.


In chiusura

Il VWAP è un indicatore che rivela ai trader il prezzo medio di un asset per un determinato periodo, relativo al volume. 

Alcuni trader potrebbero utilizzare il VWAP per aprire o chiudere posizioni basandosi sul suo incrocio con il prezzo. Può essere particolarmente utile per aiutare a identificare potenziali punti di entrata e di uscita per grandi operazioni.

Il VWAP è un indicatore laggante, quindi non ha capacità predittive per il prezzo. Alcuni trader sostengono sia più adatto per l'analisi infragiornaliera. Come per ogni altro strumento d'analisi di mercato, il VWAP non va interpretato in modo isolato e funziona meglio quando combinato con altre tecniche.

Loading